15 dicembre 2018
Aggiornato 14:00

Prolattina

Cos’è la prolattina, quali sono le sue funzioni e perché può essere troppo alta o bassa

Prolattina
Prolattina (Designer491 | Shutetrstock)

La prolattina – chiamata anche PRL – è un ormone tipicamente femminile presente in minima parte anche nell’uomo. L’espletamento dei suoi compiti è essenziale durante la lattazione. Ecco tutto ciò che c’è da sapere sulla prolattina.

Cos’è la prolattina?
La prolattina è un ormone formato da quasi duecento amminoacidi e prodotto dall’ipofisi anteriore (ghiandola pituitaria). Il suo compito comincia a essere svolto nell’età dello sviluppo, momento in cui partecipa alla trasformazione del corpo: da bambina a donna.

Il compito della prolattina
Uno dei compiti più importanti della prolattina è quello di promuovere la lattazione. Ciò significa che se c’è scarsità di prolattina si evidenzia anche un allattamento insufficiente. Tuttavia va sottolineato che la lattazione è favorita dalla suzione del bambino, processo che aumenta notevolmente la produzione di prolattina. Quindi se una donna lamenta scarsità di latte è importante che tenga il più possibile il bambino attaccato al seno.

La regolazione della prolattina
Come sempre avviene in natura, la prolattina possiede un meccanismo di regolazione per evitare una secrezione eccessiva e, di conseguenza, quantità elevate che circolano nel torrente ematico. Il tutto viene controllato dalla dopamina che fa sì che il corpo umano non secerna quantità abnormi di tale ormone, salvo non sia strettamente necessario – come accade durante l’allattamento.

La prolattina nei maschi
Se la prolattina è particolarmente essenziale nella vita di una donna, poco si sa dei compiti che svolge in un organismo di sesso maschile. Tra le varie ipotesi ci sono l’inibizione del testosterone. Ciò significa che se un uomo produce prolattina in eccesso potrebbe soffrire di impotenza e mancanza di desiderio sessuale.

Sport e prolattina
La prolattina è un valore che si tiene spesso in considerazione in ambito sportivo. Infatti tale sostanza può arrivare a livelli molto alti in caso di eccessivo sforzo fisico. Se ciò può causare problemi nel maschio, nella donna un eccesso di tale ormone potrebbe essere ancora più deleterio. Se la condizione permane a lungo – come può accadere in chi pratica sport di continuo – si può assistere ad assenza di mestruazioni, disordini alimentari e osteoporosi.

  • Sapevi che…?
    La prolattina viene secreta in abbondanza durante il sonno, con il picco massimo un’ora dopo l’inizio delle onde SWS – dall’inglese Slow Wave Sleep.

Prolattina alta, perché?
Ci sono diverse cause – patologiche o fisiologiche – che causano un’impennata dei valori di prolattina. Tra questi ci sono:

  • Ipertiroidismo o problemi della tiroide
  • Stimolazione dei capezzoli – per esempio durante l’allattamento
  • Sonno eccessivo
  • Attività fisica eccessiva
  • Stress prolungato
  • Farmaci (antiipertensivi, antidepressivi e antipsicotici)
  • Digiuno prolungato
  • Infarto
  • Sindrome dell’ovaio policistico
  • Malattie renali
  • Tumori ipofisari (prolattinoma)
  • Malattie epatiche (raro)

I farmaci che alterano i livelli di prolattina
Ci sono alcuni farmaci che possono causare modificazioni dei livelli ematici di prolattina. Tra questi ricordiamo: butirrofenoni (neurolettico), estrogeni, metildopa (antiipertensivo), metoclopramide (antiemetico), reserpina (antiipertensivo), risperidone (antipsicotico o neurolettico), verapamil (antiipertensivo), antidepressivi, fenotiazine (neurolettico).

  • Farmaci che riducono il livello di prolattina
    La prolattina ematica potrebbe risultare bassa in seguito all’assunzione di dopamina, levodopa e alcaloidi derivati ​​dell’Ergot (fungo presente nella segale).

Perché in certe condizioni aumenta la prolattina?
Come sempre avviene, il nostro organismo è tarato sulla nostra sopravvivenza. È chiaro che in momenti di stress o sforzi eccessivi, oppure digiuno o infarto, alcune funzioni sono del tutto futili: tra queste il desiderio sessuale e la formazione della massa muscolare. Per questo, l’organismo usa energie per la sopravvivenza e spegne quelle utilizzate per la produzione di gonadotropine e ormoni sessuali come il testosterone.

  • I valori normali di prolattina
    Maschi: 2 a 18 ng / mL
    Femmine: 229 ng / mL
    Gestanti: 10209 ng / mL

L’esame per rilevare la prolattina
Per misurare i livelli di prolattina nel sangue è sufficiente un semplice prelievo del sangue eseguito a digiuno. Va tuttavia sottolineato che si tratta di un ormone ipersensibile allo stress, per cui è essenziale non farlo nei periodi stressanti ed essere il più tranquilli possibile prima e durante il prelievo.

Prolattina alta e prolattinoma
Il prolattinoma è un tumore della ghiandola pituitaria, per fortuna benigno, che aumenta in maniera esponenziale la secrezione di prolattina. Si tratta di un tumore che raramente dà sintomi particolari e che si manifesta con maggior frequenza nella popolazione femminile. Negli uomini può manifestarsi sotto forma di disfunzione erettile.

[1] Prolactin blood test – MedLine Plus

[2] Prolactin – LabTest online

[3] Hyperprolactinemia (high prolactin levels)

[4] Prolactinoma – National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Disease