24 ottobre 2019
Aggiornato 07:00
Rimedi naturali

Decotto di zenzero: come si fa, proprietà, usi e benefici

Come si prepara il decotto di zenzero. Tutte le proprietà e i benefici confermati dalla scienza

Decotto di zenzero. Come si fa usi e proprietà
Decotto di zenzero. Come si fa usi e proprietà Shutterstock

Li sentite i primi freddi in arrivo? Le giornate stanno divenendo sempre più buie e dalla mattina – quando si esce di casa – alla sera al nostro rientro si assiste a una diminuzione evidente delle temperature. Un clima di questo genere mette a dura prova il nostro sistema immunitario che – a causa dei frequenti sbalzi termici – potrebbe non riuscire più a far bene il suo dovere. Ecco che in nostro soccorso arriva un rimedio semplice e naturale: il decotto di zenzero.

Il piccante che riscalda e dà energia
Ciò che contraddistingue lo zenzero è il suo sapore piccantino. Ed è proprio questo che ci dà una sferzata di energia immediata. Chi beve il decotto quotidianamente noterà subito che si ha la sensazione di essere meno stanchi e di aver più voglia di muoversi. Merito del suo effetto sul metabolismo e la digestione. Esso, infatti, migliora il livello digestivo, riducendo anche la tipica stanchezza post prandiale. Ma non è finita qui, perché lo zenzero è anche un eccellente alleato della nostra salute durante i freddi mesi invernali.

Contro mal di gola, raffreddore e influenza
Lo zenzero ha anche la splendida peculiarità di mitigare i sintomi derivanti dalle malattie da raffreddamento. Nonostante non siano ancora state condotte ricerche in merito – e pertanto non c’è alcuna evidenza scientifica – lo zenzero fresco sembra dare sollievo nei casi di influenza, tosse e mal di gola. Questo deriva più dall’antica conoscenza popolare asiatica che da secoli lo usa con successo per la terapia di malattie di questo genere. Ricerche cliniche, infatti, considerano lo zenzero un rimedio potenziale in tali situazioni. Tuttavia è bene sottolineare che alcuni lavori scientifici hanno messo in evidenza che «I composti dello zenzero aumentano anche i livelli di enzimi antiossidanti, tra cui superossido dismutasi e glutatione perossidasi, che possono essere utili nelle reazioni infiammatorie innescate da infezioni virali. Un’altra evidenza scientifica deriva dal fatto che lo zenzero sembra essere in grado di debellare anche il virus respiratorio sinciziale umano (HSRV)».

Altre virtù dello zenzero
Ricerche condotte su modello animale hanno mostrato che i principi attivi di zenzerolo, gingeroli e zingiberone insieme a oli volatili, aumentano la motilità del tratto gastrointestinale, svolgono effetto analgesico, sedativo, antibatterico e antipiretico. Altri studi ritengono che lo zenzero stimoli la produzione di citochine utili in caso di influenza.

Contro colite ulcerosa e morbo di Crohn
Lo zenzero è anche utile nei pazienti che soffrono di colite ulcerosa, infiammazione intestinale, sindrome del colon irritabile e morbo di Crohn. A suggerirlo sono stati alcuni ricercatori dell’Atlanta Veterans Affairs Medical Center e dell’Istituto di Scienze Biomediche presso la Georgia State University. Dai risultati è emerso che le nanoparticelle derivate dalla radice di zenzero hanno promosso la guarigione dell’intestino in modello animale, combattendo efficacemente l’infiammazione.

Come si prepara il decotto di zenzero
La preparazione è molto semplice: munisciti di una radice fresca di zenzero (acquistabile nei supermercati più forniti), elimina la pellicina esterna e taglia un paio di fettine sottili. Ora versale in 250 ml di acqua fredda e accendi il fuoco. Attendi che l’acqua arrivi a ebollizione e lascia bollire per una decina di minuti. A questo punto spegni il fuoco, lascia in infusione per qualche minuto, quindi filtra con un colino e bevi caldo – specie se lo stai consumando a causa di malattie da raffreddamento.

Se hai influenza e raffreddore aggiungi timo e cannella
Se vuoi provare il decotto di zenzero durante una malattia influenzale, puoi potenziarne l’effetto aggiungendo un piccolo pezzo di stecca di cannella e, se vuoi, anche uno o due chiodi di garofano (non superare queste dosi). Infine, al termine dell’ebollizione, aggiungi un cucchiaino di foglie essiccate di timo. Lascia in infusione dieci minuti quindi filtra e bevi.

Per migliorare la digestione
Se vuoi provare il decotto d zenzero per migliorare la digestione e ridurre il gonfiore addominale, puoi aggiungere, al termine dell’ebollizione – quindi a fuoco spento – delle foglioline di menta. Anche in questo caso vanno lasciate dieci minuti in infusione prima di filtrare il tutto.

[1] J Ethnopharmacol. 2013 Jan 9;145(1):146-51. doi: 10.1016/j.jep.2012.10.043. Epub 2012 Nov 1. Fresh ginger (Zingiber officinale) has anti-viral activity against human respiratory syncytial virus in human respiratory tract cell lines.Chang JS1, Wang KC, Yeh CF, Shieh DE, Chiang LC.

[2] Hornung B, Amtmann E, acido laurico Sauer G. inibisce la maturazione del virus della stomatite vescicolare. Journal of General Virology . 1994; 75(2): 353-361. [ PubMed ]

[3] Kim SO, Kundu JK Shin YK, et al. Gingerol inibisce la COX-2, bloccando l'attivazione di p38 MAP chinasi e NF-kB in forbolo pelle del mouse estere stimolata. American Society for Nutrition Journal of Nutrition .2006; 136 : 1150-1155. [ PubMed ]

[4] Wang X, Jia W, Zhao A, agenti Wang X. anti-influenzali da piante e medicina tradizionale cinese. La ricerca Fitoterapia . 2006; 20 (5): 335-341.[ PubMed ]