31 marzo 2020
Aggiornato 15:30
Salute

Hiv e Aids, un italiano su due scopre di essere malato troppo tardi. E il 15% non sa di esserlo

La Simit svela che il 15 percento degli italiani non sa di essere infetto dal virus Hiv e malato di Aids. In più, una diagnosi su due arriva quando e troppo tardi. La necessità urgente di conoscere il proprio stato di salute

ROMA – L’Hiv e la sua conseguenza l’Aids continuano a far parlare di sé. E questa volta lo fanno in termini allarmistici: secondo infatti di dati della SIMIT- Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali, ben il 15% degli italiani non sa di essere infetto e un malato su due ottiene una diagnosi quando è troppo tardi.

Quando l’informazione è vitale
La Simit, che in collaborazione con il Ministero della Salute, è impegnata nel promulgare le linee guida per una più corretta informazione e prevenzione, parla di questa emergenza al del 15° Congresso Internazionale SIMIT, che si svolge a Baveno, sul Lago Maggiore, sino a oggi 19 ottobre 2016. Qui, si sono riuniti oltre 800 specialisti, provenienti da tutta Italia e dall’Estero. Nel corso del Congresso organizzato da Gaetano Filice, Direttore dell’Unità di Malattie Infettive del Policlinico San Matteo, Pavia, e da Domenico Santoro, Direttore dell’Unità di Malattie Infettive dell’Azienda Ospedaliera S. Anna di Como, si sono approfonditi argomenti quali l’antibiotico-resistenza, l’infezione-malattia da HIV, ma anche di epatite, malattie tropicali e parassitarie, infezioni nel paziente immuno-compromesso, infezioni nel paziente fragile, infezioni correlate all’assistenza.

Decine di migliaia di persone infette
Allo stato attuale ci sono oltre 90mila persone in terapia oppure in contatto con i Centri specializzati per le malattie infettive. I dati parlano di ulteriori 20mila/30mila soggetti che non sono consapevoli dell’infezione o non sono in contatto con i Centri. La situazione appare drammatica, se poi si conta che oltre la metà delle circa 4mila nuove diagnosi di infezione registrate ogni anno, avvengono quando l’infezione è già in uno stadio avanzato. A rischiare di più sono poi i giovani maschi omosessuali o che fanno sesso con altri maschi. Questi, se non mettono in atto azioni adeguate di protezione, secondo l’OMS rischiano circa 20 volte di più rispetto agli eterosessuali.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal