2 giugno 2020
Aggiornato 14:30
Salute

Eleonora Brigliadori contro ‘Le Iene’ sulle cure per i tumori. Aggredita una ragazza e Nadia Toffà durante un’intervista

La chemioterapia «uccide», ribadisce Eleonora Brigliadori, convinta avversatrice delle cure tradizionali contro i tumori. Durante un’intervista per il programma di Italia 1, ‘Le Iene’, la Brigliadori aggredisce una ragazza affetta da tumore e la giornalista Nadia Toffà

ROMA – Ne è convinta da molto tempo, per curare il cancro la chemioterapia è da evitare. Guarita lei stessa da un tumore, porta avanti da tempo la sua ‘battaglia’ contro le cure che non servirebbero o che, anzi, sono pericolose. È Eleonora Brigliadori, già intervistata da Diario Salute, proprio sul tema. Ieri, durante la prima puntata del programma di Italia 1, ‘Le Iene’, è stato mostrato un video in cui aggredisce la giornalista Nadia Toffà.

Via dalla chemio
Come è accaduto già più volte, alcune persone che hanno rifiutato le cure tradizionali e la chemioterapia, per seguire cure alternative come per esempio la ‘nuova medicina’ di Hamer, sono poi decedute. Ma, tuttavia sono molte le persone che ritengono invece pericolose le cure tradizionali: una di queste è Eleonora Brigliadori, che da anni porta avanti la sua battaglia per promuovere cure alternative che, secondo quanto dichiarato, hanno guarito lei stessa proprio dal cancro.

La reazione
Qualche giorno fa la Brigliadori si trovava a Balestrino in Liguria, per una tre giorni. Il paese ha dato i natali ai suoi avi da parte di madre. Lì raggiunta da Nadia Toffà, giornalista del programma ’’Le Iene’’ è stata, per così dire, intervistata in un video mandato in onda in occasione della prima puntata della stagione, ieri sera domenica 2 ottobre. Nel video, Eleonora Brigliadori, dopo aver ribadito le sue convinzioni circa le cure per i tumori, ha poi aggredito in modo violento l’intervistatrice. Ma non solo, l’aggressione si è rivolta anche verso una ragazza affetta da tumore che l’aveva avvicinata per chiederle consiglio – ma che indossava un microfono e telecamera nascosta. «Eccola qua! – grida la Brigliadori – Una di questi demoni! Allora ti piglio per la coda, fatti vedere con la faccia», inveisce correndo dietro alla ragazza e tirandole i capelli. «’Sta stro… –prosegue – Ti aggredisco sì!...»

Il convegno in cui ribadire le proprie teorie
La tre giorni di Balestrino fa parta di una serie di convegni (con tanto di riti) che da diversi anni la Brigliadori svolge in tutta Italia. A tale proposito, sulla pagina Facebook personale, la conduttrice descriveva il seminario: «Il prossimo fine settimana 23, 24 e 25 settembre, a partire da venerdì sera alle ore 18:00 comincia il percorso di 3 giorni per la preparazione del Rito Solare di San Michele. Tutti gli amici della Liguria ma anche tutte le persone che hanno già partecipato ai miei seminari sanno quanto è importante entrare nei ritmi del cosmo questo migliora il nostro sentimento nei confronti degli altri, rinvigorisce la nostra relazione con il mondo, ma agisce anche nella profondità del nostro sangue, regalandoci delle forze nuove proprio in corrispondenza di questo momento dell'anno nel quale le forze sono in equilibrio. Se volete partecipare scrivetemi sulla pagina pubblica, non qui sul profilo che non uso quasi più, oppure telefonate al numero della locandina, lasciando nome cognome e verrete richiamati. Grazie a tutti quelli che vorranno condividere e segnalare l'evento alle persone interessate. Un abbraccio di cuore. Il primo seminario del laboratorio artistico cognitivo è partito da Balestrino e dopo 4 anni di un intenso lavoro in tutt'Italia proprio per celebrare questo viaggio che ha attraversato il nostro bel paese dal nord al sud dall'Est dall'ovest ritornerò in questo piccolo borgo nel quale affondano le mie radici nel rapporto con la terra dei miei avi da parte di madre».

  • La Nuova Medicina di Hamer. La teoria dell’ex medico tedesco Ryke Geerd Hamer si basa sul concetto che malattie come il cancro si possano sviluppare a seguito di un trauma o conflitto psichico e il successivo tentativo di riparazione messo in atto dall’organismo. Secondo l’AIRC, il metodo di Hamer non cura il cancro, anzi: «è un metodo basato su premesse non scientifiche che ha già provocato la morte di diversi pazienti». Questo perché il metodo rifiuta l’uso di farmaci e terapie tradizionali. La teoria di Hamer si basa sulle cosiddette ‘5 leggi biologiche’, dove si ritiene che il cancro o malattia equivalente sia generato da un forte choc, inaspettato, drammatico e vissuto nell’isolamento. Per guarire da una malattia, cancro compreso, basterebbe risolvere il conflitto.

Disinformazione criminale
Nel video delle Iene, è riportata l’iniziativa di un gruppo di donne che hanno sconfitto il tumore con la chemioterapia, e che hanno aperto una pagina Facebook che hanno chiamato ‘Disinformazione criminale’, per mettere in guardia tutti coloro che vorrebbero abbandonare le cure tradizionali.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal