17 febbraio 2020
Aggiornato 15:30
Medicina

Ictus, staminali iniettate dopo l’evento migliorano la funzione motoria

Pazienti colpiti da ictus tornano a camminare dopo l’iniezione di cellule staminali nel cervello

Ictus, iniezioni di staminali possono rimediare certi danni al cervello
Ictus, iniezioni di staminali possono rimediare certi danni al cervello Shutterstock

STANFORD – Ritrovare alcune delle funzioni perdute dopo un ictus, una speranza per molti pazienti che sono ritrovati con compromissioni più o meno gravi. Ora, dagli Usa arriva la notizia che tramite l’iniezione direttamente nel cervello si cellule staminali modificate, alcuni pazienti hanno ottenuto significativi miglioramenti nella funzione motoria.  Di questi, un paziente è persino riuscito a riprendere il controllo di braccia e gambe e a lasciare la sedia a rotelle.

Un piccolo ma significativo studio
Quello condotto dai ricercatori della scuola di medicina dell’Università di Stanford è un piccolo, ma significativo studio clinico. Lo è perché implica un qualcosa che fino a oggi non si era considerato adeguatamente, ossia la capacità del cervello di guarire se stesso – specie se aiutato in qualche modo. Ne è testimonianza quanto osservato nello studio. «Una donna di 71 anni – sottolinea il neurochirurgo Gary Steinberg – poteva solo spostare il pollice sinistro all’inizio dello studio clinico. La paziente ora può camminare e sollevare il braccio sopra la sua testa».

   - AppronfondisciCinque fatti assolutamente da sapere sull’ictus.

   - Ictus, 9 domande 9 risposte. Cause, sintomi, rimedi.

Risultati replicati e replicabili
I promettenti risultati di questa ricerca sono in qualche modo stati replicati, poiché uno studio dello scorso anno e condotto in Gran Bretagna aveva mostrato risultati simili. Questo test, condotto ora su 18 pazienti (11 donne e 7 uomini), ha tutte le carte in regola per essere replicabile e migliorabile. Difatti, tutti i partecipanti hanno ottenuto un miglioramento nella deambulazione e sette di questi hanno addirittura beneficiato di eccellenti progressi, nonostante le loro condizioni fossero stabili da tempo – per cui era evidente che non avrebbero ottenuto progressi in altri modi.

Capacità di movimento
La capacità di movimento e deambulazione è stata migliorata in media di 11,4 punti su una scala da 1 a 100, dopo una prima iniezione delle cellule staminali. Secondo i ricercatori il valore è assai significativo dal punto di vista clinico, e dimostra che questa è una via percorribile per ridare speranza ai pazienti colpiti da ictus e per migliorarne la qualità della vita.