16 febbraio 2019
Aggiornato 04:00

Occhio al bruciore di stomaco, potrebbe essere un cancro

Secondo i ricercatori del Public Health England, soffrire di bruciore di stomaco che dura tre o più settimane potrebbe essere sintomo di un cancro esofageo o gastrico

REGNO UNITO – Dagli scienziati britannici arriva un avvertimento: se si soffre di bruciore di stomaco, che si può irradiare anche al petto, per tre o più settimane è bene sottoporsi a un esame clinico, poiché potrebbe anche trattarsi di cancro esofageo o gastrico.

UNO SU DUE – Secondo quanto emerso dal sondaggio promosso dal PHE, in occasione della Campagna anticancro «warned.arly», soltanto una persona su due si preoccupa di recarsi dal proprio medico per una visita quando soffra, tutti i giorni e per tre o più settimane, di bruciore di stomaco. E, invece, la possibilità di trattare un cancro esofageo o gastrico sta tutta nella tempestività della diagnosi.

SOPRAVVIVERE – I dati riportano che circa il 67% delle persone con diagnosi di cancro esofago-gastrico nella fase più precoce sopravvivono per almeno cinque anni. Però la cifra scende a circa il 3% per quelli diagnosticati in fase avanzata. Ma la scarsa informazione può rendere vane le intenzioni dei medici: il sondaggio ha infatti rivelato che ben il 59% degli intervistati non sapeva che il bruciore di stomaco potrebbe essere un segno di cancro. E solo un 15% ha riferito di sapere che poteva trattarsi di un sintomo. Ma non solo. Il 70% delle persone non sa che la difficoltà a deglutire il cibo è un altro sintomo di cancro alla gola. Gli scienziati, di fronte a questi dati, si raccomandano di rivolgersi al più presto al proprio medico se si hanno sintomi di questo genere. Siamo d’accordo.