17 gennaio 2021
Aggiornato 19:30
Salute. Nuova influenza

I vaccini rimangono efficaci malgrado la mutazione

Sanità francese: «Non influenza immunogenicità del farmaco»

PARIGI - I vaccini contro l'influenza A rimangono efficaci nonostante la scoperta di una mutazione nel ceppo del virus A/H1N1 confermata ieri dalle autorità sanitarie norvegesi e dall'Organizzazione Mondiale per la Sanità: lo ha affermato il Direttore generale della Sanità francese, Didier Houssin.

«L'immunogenicità non è influenzata da questa mutazione e dunque i vaccini rimangono sicuri», ha sottolineato Houssin, intervistato dalla rete radiofonica francese Europe 1, spiegando che proprio per far fronte all'eventualità di mutazioni il farmaco è stato dotato all'origine di alcuni elementi coadiuvanti.

La mutazione rimane «preoccupante» perché permetterebbe al virus di insediarsi in una zona più bassa dell'apparato respiratorio e causare patologie polmonari più gravi, ma non rappresenta un cambiamento sostanziale nella virulenza o nel meccanismo di trasmissione; tuttavia, ha concluso Houssin, «occorre seguire la raccomandazione di vaccinarsi contro l'influenza».

Altre mutazioni erano già state riscontrate in altri Paesi, ma si è trattato di casi isolati: l'attenzione posta dall'Oms sui casi norvegesi deriva dal fatto che si tratta della prima mutazione confermata in più pazienti contemporaneamente sullo stesso territorio.