25 ottobre 2020
Aggiornato 22:30
Centrodestra

Giorgia Meloni favorevole al «Recovery Fund»: ma attenti alle fregature

Il Presidente di Fratelli d'Italia: «La soluzione migliore sarebbe utilizzare la Bce per l'acquisto di titoli di Stato. Se non si riesce a fare quello, il tema del Recovery fund è sicuramente una buona notizia»

Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d'Italia
Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d'Italia ANSA

ROMA - «Io sul Recovery fund ho sempre detto che sono favorevole», anche se «quando si tratta di Europa il rischio di una fregatura c'è sempre». Lo ha detto il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, intervenendo a Radio anch'io ribadendo invece di essere «ferma contro l'utilizzo del Mes». Meloni ha ripetuto che «la soluzione migliore sarebbe utilizzare la Bce per l'acquisto di titoli di Stato. Se non si riesce a fare quello, il tema del Recovery fund è sicuramente una buona notizia, anche se 500 miliardi sono pochi».

«Non ho deriso Bellanova, criticato le sue lacrime»

«Io non ho deriso le sue lacrime, ho criticato le sue lacrime». Così Giorgia Meloni è tornata sulle contestazioni mossa ieri da Maria Elena Boschi di aver apparentemente deriso le lacrime del ministro dell'Agricoltura, Teresa Bellanova. Intervenendo a Radio anch'io il presidente di FdI ha detto: «Credo di avere il diritto di farlo e di pensare che un ministro italiano che si commuove per gli immigrati clandestini, mentre ci sono milioni di italiani che piangono di notte di nascosto dai loro figli, abbia priorità sbagliate».

In ogni caso, ha aggiunto, «io vengo criticata sempre e invece Bellanova non può essere criticata perché ha fatto la bracciante; eppure io ho fatto la cameriera ma per la sinistra è un motivo di derisione».

«Governo nega finanziamenti a professionisti»

«Il governo nega i finanziamenti a fondo perduto per i professionisti: non bastavano i ritardi per i 600 euro, ora Pd e 5Stelle escludono milioni di lavoratori dall'accesso a un aiuto essenziale per la ripartenza. Ancora una volta la categoria dei professionisti viene messa da parte e penalizzata dalla solita sinistra nemica dell'Italia produttiva. Vergogna».

FdI: «Su classi pollaio Azzolina smentita da Ministero»

«Ancora una volta il ministro Azzolina predica bene e razzola male ma, cosa ancora più grave, non è a conoscenza di cosa succede al suo Ministero». Così in una nota le deputate Carmela Ella Bucalo e Paola Frassinetti di Fratelli d'Italia. Il riferimento è all'annuncio di Azzolina sull'abolizione delle classi pollaio che, sostengono le due deputate «è stato miseramente smentito dallo stesso dicastero che, con nota n.487 del 10 aprile 2020, riferendosi agli organici 2020/2021, ha specificato che per la scuola secondaria di II° grado le classi intermedie, dovranno essere costituite con un numero medio di alunni non inferiore a 22. In barba quindi - concludono - al distanziamento sociale, i direttori provinciali sono già al lavoro per ottemperare alle superiori disposizioni. Ministro Azzolina siamo alle solite: annunci e conferenze stampa puntualmente smentite dai fatti!».