16 giugno 2019
Aggiornato 07:30
Centrosinistra

Boldrini scende in campo con «Liberi e uguali»

L'annuncio ufficiale durante un brindisi a Roma della presidente della Camera: Concludo a sinistra una legislatura che per me a sinistra era iniziata

ROMA - «Noi abbiamo il dovere oggi di fare tutto per evitare una cosa: cioè un'ulteriore crescita dell'astensionismo, un'ulteriore crescita del disamore dell'elettorato progressista, per questo sono convinta che la formazione Liberi e uguali, nel mio caso Libere e uguali, io penso che questa formazione abbia la potenzialità di riuscire in questo obiettivo e allora io concludo a sinistra una legislatura che per me a sinistra era iniziata e continuerò a sinistra, continuerò nella formazione di Liberi e uguali con la mia agenda e le mie convinzioni»: così la presidente della Camera Laura Boldrini nell'annunciare ufficialmente il suo impegno in campagna elettorale con Liberi e uguali durante un brindisi nel quartiere romano di San Lorenzo.

Il tentativo di Pisapia
La Boldrini richiama la parola «coerenza» e ricorda di avere seguito con attenzione il «tentativo di Giuliano Pisapia di ricostruire un centrosinistra in discontinuità con le politiche che avevano allontanato i consensi. Ma questa discontinuità che ci doveva essere, non c'è stata».