16 novembre 2018
Aggiornato 23:00

Il Vaticano ci invita ad adottare lo ius soli ma le cittadinanze le rilascia solo a chi gli serve

Uno dei più grandi promoter dello Ius Soli è Papa Francesco, dimentico della sua mission principale, che ama discettare delle leggi italiane influenzando politici ed opinione pubblica. Ma...

ROMA - Uno dei più grandi promoter dello Ius Soli è Papa Francesco, dimentico della sua mission principale, cioè i problemi spirituali dell'intera popolazione planetaria, ama discettare delle leggi italiane influenzando politici ed opinione pubblica. Noi abbiamo delle riserve sullo Ius Soli perché i bambini non nascono dal suolo e un tale sistema per l'acquisizione della nazionalità diminuirebbe ulteriormente l'importanza delle famiglie. A prescindere dalle nostre opinioni, in Italia non abbiamo una legislazione che rende impossibile l'acquisizione della cittadinanza, non siamo la Svizzera. Ci pare abbastanza semplice: hai diritto alla cittadinanza se sei maggiorenne e risiedi da più di 10 anni. Nel 2015, l'ultimo anno di cui vi sono dati a disposizione, l'Italia è stata il paese record in Europa avendo concesso la cittadinanza a 178.000 persone. Ben diversa la situazione nello Stato del Vaticano dove Papa Francesco regna per volontà divina. Italia Oggi ci fa notare che la legge 131 sulla cittadinanza stabilisce che i cittadini dello Stato del Vaticano sono i cardinali e i diplomatici residenti nella città del Vaticano. Al secondo comma dello stesso articolo si stabilisce che il Papa o in sua vece il cardinale governatore possono concedere la cittadinanza esclusivamente a: coloro che risiedono in Vaticano per ragioni di servizio; coloro che sono autorizzati dal Papa a risiedere in Vaticano; a coniugi e figli di coloro che a seguito di autorizzazione risiedono in Vaticano. Se ne conclude che anche se una donna partorisse sotto il portico del Bernini il nascituro non avrebbe la cittadinanza vaticana, in quanto si tratta evidentemente di cittadinanze rilasciate per motivi funzionali alla missione dello stato Città del vaticano. In conclusione: si predica bene e si razzola male...