17 aprile 2021
Aggiornato 23:00
Torino

Giro di fatture false per 7 milioni, nei guai quattro imprenditori

Un'evasione fiscale da sette milioni di euro. L'hanno scoperta gli uomini della guardia di finanza del gruppo di Orbassano che hanno denunciato quattro imprenditori

Auto della Guardia di Finanza
Auto della Guardia di Finanza ANSA

TORINO - La Guardia di Finanza di Torino ha concluso una indagine che avrebbe svelato un'evasione fiscale milionaria, supportata dall'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, con il sequestro di immobili, terreni e disponibilità su conti correnti e la denuncia, per reati tributari, di 4 soggetti.

Le investigazioni coordinate dalla Procura di Torino hanno tratto origine dall'individuazione di cospicui prelievi in contanti da parte di un imprenditore dell'hinterland torinese, effettuati a seguito di numerosi bonifici ricevuti da tre rappresentanti legali di società, tutte operanti nel settore della produzione di componentistica per auto.

Gli inquirenti hanno così scoperto un collaudato sistema di frode imperniato su di una società risultata, di fatto, inesistente in quanto priva di una sede effettiva nonché di strutture organizzative e mezzi aziendali, il cui unico «ruolo» era quello di emettere fatture per operazioni inesistenti a favore di tre imprese attive nel medesimo comparto economico, con il solo fine di consentire a queste ultime di evadere le imposte attraverso l'utilizzo dei documenti fiscali falsi per beneficiare, indebitamente, dell'abbattimento dei ricavi e della detrazione della correlata IVA.

Le Fiamme Gialle hanno scoperto che a fronte delle fatture fittizie emesse dalla società «cartiera», le aziende destinatarie delle stesse procedevano ad effettuare i relativi pagamenti mediante bonifici bancari al solo scopo di dare una parvenza di regolarità alle operazioni, di fatto mai avvenute, salvo poi ricevere successivamente, in contanti, la restituzione delle somme versate.

Al termine delle indagini, è stato accertato l'utilizzo di fatture per operazioni oggettivamente inesistenti per oltre 7 milioni di euro e 4 persone sono state denunciate alla locale Procura della Repubblica, a vario titolo, per le ipotesi di reato di omessa dichiarazione, emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e occultamento di scritture contabili. Il Gip di Torino ha emesso un decreto di sequestro preventivo fino a concorrenza di euro 1,6 milioni, pari al profitto generato dalle fattispecie delittuose perpetrate, la cui esecuzione ha permesso di sottoporre a cautela reale disponibilità finanziarie per oltre 250 mila euro, 9 immobili e un terreno.