18 ottobre 2019
Aggiornato 09:00
Criminalità

Scacco al clan dei Casamonica: 31 arresti fra Roma e la Calabria

Al momento altre sei persone dell'organizzazione «criminiale» sono ricercate. Salvini: «Vinciamo noi. La mafia fa schifo». Raggi: «Fuori la mafia da Roma»

Un momento della maxi operazione che ha portato all'arresto di 31 persone
Un momento della maxi operazione che ha portato all'arresto di 31 persone ANSA

ROMA - Nuovo e stavolta durissimo colpo al clan Casamonica. I carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno arrestato 31 persone, fra Roma e le provincie di Reggio Calabria e Cosenza, per avere costituito e preso parte all'associazione mafiosa denominata «clan Casamonica». I provvedimenti sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Roma. Tutti gli indagati sono anche ritenuti responsabili, in concorso fra loro e con ruoli diversi, di aver costituito un'organizzazione dedita al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, usura, concessione illecita di finanziamenti ed altro, tutti commessi con l'aggravante del metodo mafioso. Al momento i provvedimenti eseguiti sono 31 con altri 6 soggetti attivamente ricercati. Al blitz hanno partecipato 250 militari con l'ausilio di unità cinofile, un elicottero dell'Arma e del personale dell'8°Reggimento Lazio.

Salvini e Raggi ringraziano i carabinieri
«31 arresti per mafia, spaccio di droga e usura di esponenti del clan dei Casamonica (quelli chi mi avevano minacciato) con 250 Carabinieri al lavoro da stanotte: GRAZIE! #lamafiamifaschifo, vinciamo noi». Con questo messaggio su Facebook il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ha voluto complimentarsi con le forze dell'ordine per il duro colpo inferto nella notte al clan dei Casamonica. Dello stesso tono il commento su Twitter della sindaca di Roma, Virginia Raggi: «Bene operazione Carabinieri contro clan Casamonica. Ringrazio Comando generale Roma. Ancora una volta insieme per dire #FuorilamafiadaRoma #nonabbassiamolosguardo».

L'indagine
L'indagine è partita prima ancora degli ormai famosi funerali show di Vittorio Casamonica dell'agosto del 2015. Per 14 dei 37 arrestati l'accusa è associazione a delinquere di stampo mafioso (416bis) ed è la prima volta per il clan Casamonica. Tra le persone finite in manette c'è anche il pugile e campione italiano Domenico Spada, detto Vulcano, la cui palestra è stata sequestrata stamane all'alba dai carabinieri del gruppo Frascati. Per gli inquirenti il ruolo apicale di promotore è ricoperto da Giuseppe Casamonica, recentemente uscito dal carcere dopo circa 10 anni di detenzione.