20 agosto 2019
Aggiornato 03:30
Immigrazione

La foto dell'oro della staffetta donne 4×400 diventa virale. E' subito scontro Saviano-Salvini

Una vittoria diventata virale grazie a una foto. E dai social l'evento sportivo si trasforma subito in uno scontro politico

ROMA - Una vittoria diventata virale grazie a una foto. Raphaela Lukudo, Maria Benedicta Chigbolu, Libania Grenot e Ayomide Folorunso hanno conquistato la medaglia d’oro nella 4×400 ai Giochi del Mediterraneo di Tarragona. Un successo che è andato oltre la semplice medaglia d’oro perché questa 4×400 mette insieme tutta l’Italia multirazziale e multiculturale dei nostri giorni. La Grenot, cubana, italiana per matrimonio (nel settembre 2006) è la primatista italiana di 200, 400 e 4×400. Ayomide Folorunso è nata in Nigeria, è in Italia (a Fidenza) coi genitori dal 2004, italiana dal 2013 è campionessa europea under 23 in carica dei 400 ostacoli. Maria Benedicta Chigbolu è romana di papà nigeriano. È primatista italiana con la 4×400. Raphaela Lukudo è casertana (nata ad Aversa) da famiglia originaria del Sudan, trasferitasi a Modena da quando aveva 2 anni.

"Salvini: Applausi ragazze!!!"
Centinaia, migliaia i tweet e i post per celebrare la vittoria delle quattro ragazze nelle stesse ore in cui a Pontida si svolgeva il raduno della Lega. «Bravissime, mi piacerebbe incontrarle e abbracciarle. Come tutti hanno capito (tranne qualche ‘benpensante’ e rosicone di sinistra), il problema è la presenza di centinaia di migliaia di immigrati clandestini che non scappano da nessuna guerra e la guerra ce la portano in casa, non certo ragazze e ragazzi che, a prescindere dal colore della pelle, contribuiscono a far crescere il nostro Paese. Applausi ragazze!!!». Così su Facebook il ministro dell’Interno Matteo Salvini, postando la fotografia delle quattro ragazze.

Saviano: "Risposta a Italia razzista di Pontida"
Roberto Saviano, dal canto suo, non perde occasione per lanciare il suo anatema contro Salvini: "Grazie a Libania Grenot, Maria Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso, Raphaela Lukudo. I loro sorrisi - scrive Saviano - sono la risposta all'Italia razzista di Pontida. L'Italia multiculturale nata dal sogno repubblicano non va fermata".