19 ottobre 2019
Aggiornato 09:00
Savona

Ex boss mafioso pluriomicida ospite in aula magna dagli allievi di Polizia penitenziaria

Si parla di Cosimo Rega, miglior attore Palm Spring Festival per "Cesare deve morire". In permesso per rappresentare una piece teatrale è andato alla scuola di Cairo Montenotte per parlare proprio dell' opera. Il segretario di Sappe, Capece, avverte: "Inaccettabile"

L'ergastolano Cosimo Rega è recluso a Rebibbia
L'ergastolano Cosimo Rega è recluso a Rebibbia ANSA

SAVONA - L'ex boss della camorra Cosimo Rega, ergastolano recluso a Rebibbia, 40 anni di carcere già scontati, tre omicidi alle spalle e un premio come miglior attore al Palm Springs International Film Festival col film "Cesare deve morire", in permesso per rappresentare una piece teatrale si è recato alla scuola allievi Polizia penitenziaria di Cairo Montenotte e, in aula magna, ha parlato della piece teatrale ai 300 allievi presenti.

SINDACATO SCONVOLTO - L'intervento ha scatenato le ire del sindacato di Polizia penitenziaria Sappe il cui segretario, Donato Capece, ha firmato una nota di fuoco. «E' inammissibile, inaccettabile, intollerabile e insopportabile che un camorrista con un 'fine pena mai', si sia potuto sedere oggi nell'Aula Magna della Scuola di Polizia Penitenziaria per parlare alle oltre 300 ragazze e ragazzi che stanno frequentando il corso di formazione di Agente di Polizia penitenziaria».

AFFRONTO TROPPO GRAVE - Capece la definisce «una decisione gravissima che non può rimanere senza conseguenze per chi ha consentito tutto ciò».