27 luglio 2021
Aggiornato 07:30
Cultura

Ex Miralanza, in arrivo lo sgombero del “museo illegale” dopo il servizio di DiariodelWeb.it

Dalla risposta all’interrogazione del consigliere Garipoli (Fdi) emerge uno scontro tra Regione Lazio e Municipio XI

ROMA – Novità in arrivo per l’area ex Miralanza. Molto presto potrebbe essere sgomberato il «museo illegale» condotto da alcuni rom nella superficie dove sorgeva l’immensa fabbrica di sapone costruita nel 1899 e chiusa nel 1957 (ne abbiamo parlato qui). Nella risposta scritta all’interrogazione del consigliere Valerio Garipoli (FdI), l’assessore alla Cultura, Turismo e Pari Opportunità dell’XI Municipio, Maria Rosaria Porfido, ha fatto sapere che «a seguito di sopralluogo …lo stabile denominato ex Miralanza è stato valutato inagibile, ed è stata prescritta l’inaccessibilità alle aree interne ed esterne, con conseguente richiesta di sequestro preventivo delle aree suddette».

Scontro Regione-Municipio
«Aspettiamo lo sgombero di un’area che, se valorizzata nella giusta maniera, potrebbe diventare un punto di riferimento per l’intero quartiere» ha dichiarato il consigliere Garipoli. «Da amministratore mi sono preoccupato per la sicurezza di quei cittadini che-  invitati a visitare il museo illegale dal sito della Regione Lazio - rischiavano di farsi molto male per le condizioni pericolanti della struttura». Com’è possibile, dunque, che il sito di Lazio Creativo – «il Programma della Regione Lazio a sostegno della creatività» – abbia dato visibilità a uno spazio «illegale» come viene definito dagli stessi curatori e soprattutto senza alcuna sicurezza?

Le interrogazioni del consigliere Garipoli
Dopo l’interrogazione senza risposta del gennaio 2017, il consigliere Garipoli aveva presentato una nuova interrogazione lo scorso 12 marzo. Finalmente il Municipio ha fatto sapere di aver svolto «attività ed incontri a diversi livelli finalizzate allo sgombero degli insediamenti abusivi, pulizia e messa in sicurezza delle aree esterne ed interne». Nella risposta, inoltre, si legge che «il Municipio XI non ha rilasciato a nessun titolo autorizzazioni per l’uso dei locali o la pubblicizzazione di eventuali attività da svolgersi nelle aree suddette. Gli immobili in oggetto non sono accessibili al pubblico» e che «l’accesso all’area risulta pertanto preclusa, e non è possibile effettuare visite guidate o altre attività in loco».

L’intervento del Gabinetto del Sindaco                                                                       
Sull’ex Miralanza, sollecitato dall’interrogazione di Garipoli, si è attivato anche il Gabinetto del Sindaco: il dott. Cardilli, vicevapo di Gabinetto, ha fatto sapere di aver comunicato «al Dipartimento Patrimonio, Sviluppo e Valorizzazione, alla Direzione Tecnica del Municipio XI e all'XI Gruppo Marconi Polizia Locale, di procedere, ognuno per le proprie competenze, alle attività necessarie allo sgombero degli insediamenti abusivi, alla messa in sicurezza e al ripristino della recinzione». Nella nota, infine, «si sollecita il Dipartimento interessato ad attivarsi, senza ulteriore ritardo, per individuare le risorse necessarie a garantire l'esecuzione dei lavori strutturali per la realizzazione di una recinzione più solida e più confacente alle caratteristiche dell‘edificio». Ora, dunque, gli abitanti del XI Municipio rimangono in attesa di riappropriarsi di uno spazio tanto enorme quanto importante.