18 dicembre 2018
Aggiornato 18:00

Polizia salva donna e figli dai maltrattamenti

L'uomo, ex militare dell'Esercito, aveva in casa un arsenale.

L'auto della polizia
L'auto della polizia (Shutterstock.com)

VERCELLI - Un ex militare dell'Esercito, residente nel Vercellese, è finito in carcere, a seguito di una custodia cautelare emessa dal giudice, per maltrattamenti in famiglia. L'uomo, nel 2004, aveva conosciuto una donna da cui aveva avuto due figli e con cui si era sposato otto anni più tardi. Per lei era il coronamento del sogno d'amore, che presto si è trasformato in un incubo. Incubo durato mesi su mesi, con ricoveri in ospedale per lesioni a cui lei trovava sempre la solita scusa, che trovano tutte: "Sono caduta. Mi sono fatta male da sola». Tutto questo fino allo scorso 8 marzo quando, nuovamente percossa, ha trovato il coraggio di raccontare tutto alla Polizia, anche di quella pistola che lui deteneva illegalmente. E in casa, partita la perquisizione, è stato ritrovato un arsenale: una decina di coltelli, manganelli, tirapugni e altro ancora. Ora, grazie alla Polizia e al suo coraggio di denunciare, la donna e i suoi figli sono al sicuro, in una struttura protetta, e il carnefice dietro alle sbarre.