27 maggio 2024
Aggiornato 03:00
Operazione della Guardia di Finanza

Scoperta frode fiscale da 3,5 milioni. Coinvolta una società bolognese

Denunciato imprenditore. Su ordine del Gip sono stati sequestrati immobili e conti correnti, e una villa con piscina, per un valore complessivo di 1,2 milioni.

Auto della Guardia di Finanza
Auto della Guardia di Finanza Foto: ANSA

PESARO - La Guardia di finanza di Pesaro ha scoperto una frode fiscale da 3,5 milioni di euro, messa in atto da un imprenditore pesarese rappresentante legale di due società che commercializzano prodotti per la casa, con sedi a San Marino e in Italia. Su ordine del Gip sono stati sequestrati immobili e conti correnti, e una villa con piscina, per un valore complessivo di 1,2 milioni.

ESTEROVESTIZIONE - Le indagini hanno svelato che l'imprenditore, denunciato, operava attraverso una società esterovestita con sede nella Repubblica di San Marino, ma di fatto gestita dall'Italia, riuscendo a commercializzare i prodotti sul mercato nazionale a prezzi vantaggiosi, grazie alle agevolazioni fiscali derivanti dal transito della merce in territorio sammarinese. I beni sequestrati rientravano nel patrimonio di una società bolognese gestita dai figli dell'indagato, ma di fatto erano nella disponibilità dell'imprenditore.