7 dicembre 2019
Aggiornato 23:30
Avvertita in tutto il Reatino

Nuova terribile scossa di terremoto tra Norcia e Preci, magnitudo 6.5: «Si è aperta la terra»

Una nuova forte scossa è stata avvertita a Rieti e nel Reatino alle 7.41. Da quanto si apprende sino ad ora, la scossa, di magnitudo superiore a 6, ha avuto come epicentro il Maceratese

RIETI - Il terremoto in Centro Italia non si ferma. Una nuova forte scossa è stata avvertita a Rieti e nel Reatino alle 7.41. Da quanto si apprende sino ad ora, la scossa, si tratta di un sisma di magnitudo 6,5 e profondità 10 km con epicentro tra Marche e Umbria, nella zona già duramente colpita dagli eventi del 24 agosto e di questa settimana. Il terremoto è stato avvertito distintamente in tutto il centro Italia, con gente in strada a Roma. Le località prossime all'epicentro, spiega la Protezione civile, sono nuovamente Castelsantangelo, Norcia e Preci. Ma il terremoto è stato sentito dal Nord al Sud d'Italia.

Il sindaco di Castelsantangelo: "Si è aperta la terra"
Sono "notizie drammatiche" quelle che stanno giungendo da Norcia alla presidente della Regione Catiuscia Marini. I vigili del fuoco parlano di un quadro ancora non chiaro, ma di polvere vista alzarsi a Norcia, Cascia e Preci. Drammatico il racconto del sindaco di Castelsantangelo sul Nera, Mauro Falcucci: "Io sono a Fano, dove vivo, ma mi dicono che ci sono stati crolli, che è un disastro! Si  è aperta la terra, c'è fumo, un disastro. Spero che i testoni che erano rimasti a Santangelo si siano spostati nella notte".

Il sindaco di Ussita: "E' crollato tutto"
Stesso resoconto dal sindaco di Ussita, Marco Rinaldi: "È crollato tutto, vedo colonne di fumo, è un disastro, un disastro. Dormivo in auto, ho visto l'inferno». "Ho molti crolli nelle frazioni, speriamo che non ci sia nessuno sotto le macerie", ha detto Sante Stangoni, sindaco di Acquasanta Terme.

Il sindaco di Pasqui: "Qualche timore ma sono tranquillo"
"Sono relativamente tranquillo, perché spero che il lavoro fatto in questi giorni sia stato sufficiente per salvare vite umane: il centro è stato evacuato, gli edifici dei quartieri più a rischio dichiarati inagibili, ma ho 47 frazioni, casolari sparsi, finché non ho riscontri qualche timore ce l'ho». Così il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui, che parla di nuovi crolli in città, dopo quelli dovuti al sisma del 26 ottobre.

Amatrice, messe in salvo due persone e crollata la torre civica
Ad Amatrice sono crollate la torre civica e la chiesa di Sant'Agostino a seguito della nuova forte scossa di questa mattina, e due persone sono state salvate a Poggio Vitellino, frazione del paese. Secondo quanto riferiscono i soccorritori, crolli di massi ci sono stati sulla Salaria, mentre è in corso una verifica nella frazione di Casali di Ussita dove sono stati segnalati crolli importanti e dove erano presenti ancora degli abitanti.