27 settembre 2020
Aggiornato 22:00
in arresto per tentato omicidio

Roma, dopo una lite di condominio lo accoltella all'ospedale

Due uomini residenti a Roma avevano avuto una lite furibonda per questioni condominiali, poi si erano separati. Ma si sono rincontrati all'ospedale ed è successo di peggio

ROMA - I fatti risalgono alla serata di mercoledì scorso. Due uomini residenti a Roma avevano avuto una lite furibonda per questioni condominiali, poi si erano separati. Ma si sono rincontrati all'ospedale e uno dei due ha accoltellato il rivale.

Prima la lite con calci e pugni
Una lite condominiale con calci e pugni. Poi la separazione e la decisione di recarsi in ospedale per farsi medicare. Tra i due condomini sembrava finita lì. E invece si sono rincontrati al pronto soccorso ed è successo di peggio. Uno dei due ha estratto un coltello e ha pugnalato il rivale davanti agli occhi esterrefatti dei pazienti e del personale sanitario.

Poi l'accoltellamento
L'aggressore, un romano di 61 anni, è stato arrestato dai Carabinieri con l'accusa di tentato omicidio. La vittima è invece
un quarantunenne originario di Riccione ed è stato giudicato guaribile in 10 giorni. L'aggredito è stato denunciato per lesioni e il coltello con il quale è stato ferito è stato sequestrato dai Carabinieri intervenuti sul posto.