29 settembre 2020
Aggiornato 23:00
Tre mesi dalla chiamata alle urne

Virginia Raggi è in testa ai sondaggi. Ma lavorava nello studio di Cesare Previti

Roberto Giachetti (PD), Giorgia Meloni (FdI) e Virginia Raggi (M5S): saranno loro tre a contendersi la poltrona del Campidoglio.

ROMA - Mancano circa tre mesi alla chiamata alle urne e nella Capitale il clima si fa sempre più incandescente. Dopo la decisione di Giorgia Meloni, fresca di candidatura per il Campidoglio, la partita in corso ha subito un'accelerazione. Se prima, infatti, i giochi erano ancora piuttosto confusi - soprattutto all'interno della coalizione del centrodestra -, ora è evidente che a contendersi la poltrona più ambita di Roma saranno in tre: Roberto Giachetti, Giorgia Meloni e Virginia Raggi. Sono loro i candidati che hanno più chance di vittoria.    

In tre si contenderanno il Campidoglio
Roberto Giachetti, Giorgia Meloni e Virginia Raggi. Saranno loro tre a contendersi la poltrona del Campidoglio. Ad aver scombinato le carte a partita in corso è stata la presidente di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, che ha deciso di scendere in campo nonostante la promessa di appoggiare la candidatura di Guido Bertolaso. Oltre all'ex numero uno della Protezione Civile, la Meloni ha assestato un brutto colpo anche alla candidata pentastellata: finora in testa ai sondaggi.

La Meloni fredda la Raggi
In molti la davano per favorita a Roma, come evidenziano i dati del sondaggio pubblicato durante la trasmissione Piazza Pulita, su La7, che raccontavano di una probabile vittoria del M5S, con la Raggi in vantaggio sugli altri candidati con il 33 per cento dei voti, mentre Roberto Giachetti si fermava al 30 e Guido Bertolaso al 15. Ora, però, c'è anche Giorgia a contendersi il podio con la candidata grillina. Ma chi è Virginia Raggi? Leggendo il suo curriculum si trovano delle informazioni interessanti.

Chi è Virginia Raggi?
Virginia Raggi ha 37 anni ed è nata e cresciuta a Roma nel quartiere San Giovanni. Si è laureata in Giurisprudenza all’Università di Roma Tre ed è specializzata in diritto d’autore, proprietà intellettuale e nuove tecnologie. Nel 2007 è diventata avvocato, dopo un periodo di praticantato presso uno degli studi più popolari di Roma: quello di Cesare Previti. Si è iscritta al M5S nascondendo questo piccolo dettaglio del suo passato, e nel 2013 è stata eletta consigliera comunale con 1.525 preferenze. Da lì alla candidatura per il Campidoglio il passo è stato breve. Di lei ha parlato bene anche l’Economist: giovane, telegenica, laureata e preparata, con tanta voglia di fare.