21 settembre 2020
Aggiornato 18:00
Il Movimento difende la candidata

Comunali Roma, Lombardi: Pronti alla macchina del fango, ma Raggi vincerà

Nata e cresciuta a Roma, Virginia Raggi è - a dire della grillina Roberta Lombardi - la candidata a sindaco ideale

ROMA - «Virginia Raggi è un'ottima candidata. E' una nostra attivista che viene da tre anni di solida esperienza in consiglio comunale, è una giovane donna, mamma,. cittadina romana, nata e cresciuta a Roma, che conosce perfettamente tutti i problemi della sopravvivenza quotidiana del cittadino romano». Lo ha affermato in una dichiarazione la parlamentare M5s Roberta Lombardi, a sostegno della candidatura di Virginia Raggi a Sindaco di Roma.

Aspettiamo la macchina del fango
Sulla querelle legata al praticantato che Virginia Raggi ha svolto nello studio Previti, Roberta Lombardi è categorica: «Noi - ha detto a Radio Cusano Campus - ci aspettiamo che ovviamente arrivi, come abbiamo visto in tutti questi anni, una macchina di fango immensa addosso al Movimento Cinque Stelle. E' di queste ore la vicenda legata a Casavatore, dove i due candidati sindaco, l'attuale primo cittadino e il suo sfidante, sono indagati per indagati per una vicenda di scambio elettorale politico mafioso in una storia che arriva nel cuore del Parlamento e che arriva a coinvolgere Guerini del Pd e una deputata del Pd che è in corsa nelle primarie di Napoli come candidata sindaco. Tutto questo nel silenzio assoluto dei media, mentre per Quarto, per una cosa che aveva una rilevanza insignificante rispetto a questo caso, è stata suonata la grancassa per settimane».

La questione Previti
«Raggi - ha proseguito Lombardi - ha fatto praticantato, appena laureata, presso il suo professore, che si appoggiava allo studio Previti. Lo stesso Previti che, vorrei ricordare, è nel partito che ha votato le riforme costituzionali e la legge elettorale con il Pd, ed è stato difensore di Berlusconi. A una ragazza appena uscita dall'università che segue per fare esperienza il suo professore viene rimproverato il praticantato, di questo si sono dimenticati tutti. Tra le altre cose, Di Battista è andato a ritrovare come votarono nel 2008, per l'indulto, alcuni autorevoli esponenti del PD che in questi giorni giorni si stanno scatenando contro Virginia Raggi. Ovviamente votarono a favore dell'indulto che consentì a Previti di non andare in carcere».

(con fonte Askanews)