22 ottobre 2021
Aggiornato 11:01
La denuncia di Forza Italia in regione

Lazio, Aurigemma: La sanità è al collasso

Il capogruppo di Forza Italia della regione Lazio punta il dito (ancora) contro il presidente Zingaretti sulla questione delicata della sanità: «Non faccia scaricabarile»

ROMA - «Che la sanità targata Zingaretti fosse al collasso, purtroppo se ne sono resi conto un po' tutti. Forse l'unico a far finta di nulla è proprio il presidente nonché commissario ad acta. Oggi, però, durante la protesta dei sindacati sotto al ministero, che chiedono risposte ai tanti problemi della sanità laziale, pubblica e privata, è proprio il ministro Lorenzin a precisare che il tema è regionale, ossia della regione Lazio». Così il capogruppo di Forza Italia della regione Lazio e vice presidente della Commissione Salute Antonello Aurigemma.

Lo scaricabarile di Zingaretti
«Anche il governo, con le parole del Ministro della Salute, riconosce il problema Lazio. Noi lo ripetiamo da tempo: Zingaretti non può continuare con il solito scaricabarile anche perché, nell'ambito delle sue competenze, in tre anni il suo operato è stato a dir poco disastroso. Alle tante emergenze della sanità pubblica e degli ospedali, dai ps in tilt alle liste d'attesa infinite fino ai corridoi trasformati in reparti e alla cronica mancanza di personale, pensiamo anche alla situazione della sanità privata, con molte eccellenze (come l'Israelitico) in difficoltà», continua il capogruppo di Forza Italia.

Disavanzo sanitario non diminuisce
«E ancora: l'allarme lanciato nelle settimane scorse dall'aiop sul rischio chiusura per 20 case di cura nella nostra regione. Questa è la realtà. La misura è ormai colma. Tra l'altro, nonostante la politica di tagli, il disavanzo sanitario non diminuisce. Ora Zingaretti non ha più scuse. Servono i fatti, per fornire risposte a pazienti, personale e ai tanti amministratori locali», conclude Aurigemma.


(con fonte Askanews)