22 febbraio 2020
Aggiornato 17:30
Udienza generale in piazza San Pietro

Papa a fedeli: Attenti ai furbi che vi fanno pagare la Porta Santa

Il Pontefice ha chiesto ai fedeli di diffidare di chi cerca di vendere improbabili biglietti per ricevere l'assoluzione dei peccati: «La salvezza non si compra»

CITTA' DEL VATICANO - All'udienza generale in piazza San Pietro, Papa Francesco ha ricordato l'apertura, domenica scorsa, della Porta Santa nella Cattedrale di Roma e nella Basilica di San Giovanni in Laterano: «Si è aperta - ha detto - una Porta della Misericordia nella Cattedrale di ogni diocesi del mondo, anche nei santuari e nelle chiese in cui i vescovi hanno detto di farlo»

La salvezza non si compra
«State attenti, eh?», ha aggiunto a braccio, «che non ci sia qualcuno un po' svelto o troppo furbo che vi dica che si deve pagare: no! La salvezza non si paga. La salvezza non si compra. La Porta è Gesù, e Gesù è gratis! E la Porto, Lui stesso, abbiamo sentito, che parla di quelli che fanno entrare non come si deve, e semplicemente dice che sono ladri e briganti. Ancora, state attenti: la salvezza è gratis». 

Il Giubileo in tutto il mondo
«Il Giubileo è in tutto il mondo, non soltanto a Roma». Così il Papa nel corso dell'udienza generale in piazza San Pietro. Il Papa, che l'otto dicembre ha dato avvio al Giubileo della misericordia aprendo la porta santa di San Pietro e domenica scorsa quella della sua cattedrale, San Giovanni in Laterano, il 29 novembre aveva aprto la porta santa della cattedrale di Bangui, Repubblica centrafricana.

L'Anno Santo non solo a Roma
«Ho desiderato che questo segno della Porta Santa fosse presente in ogni Chiesa particolare, perché il Giubileo della Misericordia possa diventare un'esperienza condivisa da ogni persona. L'Anno Santo, in questo modo, ha preso il via in tutta la Chiesa e viene celebrato in ogni diocesi come a Roma. Anche, la prima Porta Santa è stata aperta proprio nel cuore dell'Africa. E Roma, ecco, è il segno visibile della comunione universale. Possa questa comunione ecclesiale diventare sempre più intensa, perché la Chiesa sia nel mondo il segno vivo dell'amore e della misericordia del Padre. Cioè, che la Chiesa sia segno vivo di amore e misericordia».

(con fonte Askanews)