5 dicembre 2019
Aggiornato 15:30
Fabio Rampelli in difesa del leader di FdI

Lettera Unar a Meloni? L'Italia scivola verso il regime

«Un organo privo di qualsisia rilevanza costituzionale e di mandato elettorale cenusra una deputata della Repubblica», il premier Matteo Renzi intervenga per rimuovere «questo funzionario antidemocratico e intollerante»

ROMA (askanews) - «La lettera inviata dall'Unar al presidente Giorgia Meloni è la dimostrazione che l'Italia sta scivolando verso un regime». E' quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d'Italia-Alleanza nazionale alla Camera dei deputati Fabio Rampelli.

Organo privo di rilevanza
«Un organo privo di qualsisia rilevanza costituzionale e di mandato elettorale - aggiunge - si permette di censurare, consigliare, suggerire, correggere le opinioni liberamente espresse da una deputata della Repubblica, cittadina pienamente dotata dei diritti civili e politici. Al presidente Giorgia Meloni la totale solidarietà del gruppo di Fratelli d'Italia-Alleanza nazionale», continua il capogruppo di Fratelli d'Italia.

Tentativo di silenziare il pensiero diverso
«Renzi intervenga urgentemente per rimuovere questo funzionario antidemocratico e intollerante. Chi ricopre funzioni apicali nella pubblica amministrazione non può esprimere posizioni lesive dei principi fondamentale di una Repubblica democratica. Mi auguro - conclude - che tutte le forze politiche di maggioranza e di opposizione vogliano unirsi alla condanna di questo sordido tentativo di silenziare chi la pensa diversamente», afferma in conclusione Rampelli.