19 novembre 2019
Aggiornato 18:30

Il nuovo che avanza, De Mita sindaco di Nusco

Sulla scia del trionfo alle europee il Pd di Matteo Renzi conferma il risultato alle amministrative con due Regioni, Piemonte e Abruzzo, che passano dal centrodestra al centrosinistra e almeno un Comune capoluogo come Prato che fa lo stesso.

MILANO - Sulla scia del trionfo alle europee il Pd di Matteo Renzi conferma il risultato alle amministrative con due Regioni, Piemonte e Abruzzo, che passano dal centrodestra al centrosinistra e almeno un Comune capoluogo come Prato che fa lo stesso. In molti altri, come Padova e Bergamo, si andrà al ballottaggio domenica 8 giugno, ma i candidati del centrosinistra sono in vantaggio.

PIEMONTE E ABRUZZO CAMBIANO - In Piemonte a sedere sulla poltrona fino ad oggi occupata dal leghista Roberto Cota sarà, salvo sorprese, l'ex sindaco di Torino Sergio Chiamparino. In Abruzzo il forzista Giovanni Chiodi cede la presidenza della giunta regionale all'ex sindaco di Pescara, Luciano D'Alfonso. A Prato, che il centrodestra aveva conquistato cinque anni fa, protagonista del ribaltone è Matteo Biffoni. A Firenze Dario Nardella, già vicesindaco reggente da quando Matteo Renzi è a Palazzo Chigi, vince al primo turno, mentre a Padova e Bergamo si andrà al ballottagio, ma con il centrosinistra in vantaggio.

DE MITA SINDACO DI NUSCO - «Un abbraccio ai nuovi sindaci. Da collega conosco la bellezza di un mestiere così delicato. Bentornato a casa Sergio Chiamparino», ha commentato il premier. Tra le curiosità c'è l'elezione del'ex presidente del Consiglio e segretario della Dc, Ciriaco De Mita, a sindaco di Nusco (Avellino) con il 76,35% dei voti. De Mita ha 86 anni e succede a suo nipote Giuseppe. Trionfo per Renzi anche a Pontassieve, il Comune in provincia di Firenze dove vive l'ex sindaco di Firenze. Qui Monica Marini è stata eletta con più del 70% dei voti. Staccatissimo il secondo classificato, Simone Gori, dell'M5s.