25 aprile 2024
Aggiornato 12:30
Giustizia

Il Cdm approva la responsabilità civile dei magistrati

Il vicepremier Alfano: «Una norma di grande importanza che sana la violazione manifesta del diritto dell'Unione Europea da parte dei magistrati di ultimo grado, che crea danno ai nostri concittadini»

ROMA - «Il Consiglio dei Ministri ha approvato, oggi, una norma di grande importanza. Si tratta della norma che riguarda la responsabilità dello Stato nei confronti dei cittadini per violazione manifesta del diritto dell'Unione Europea da parte dei magistrati di ultimo grado, che crea danno ai nostri concittadini». Lo ha annunciato il vicepremier e ministro dell'Interno, Angelino Alfano.

«E' un intervento - ha aggiunto il segretario del Popolo della libertà (Pdl) - che risponde esattamente all'impegno assunto dal Governo, in Aula, il 2 ottobre e che adegua la nostra disciplina nazionale alla giurisprudenza comunitaria da cui origina la procedura di infrazione. La norma rientra nel perimetro di risposta alla infrazione e lascia in campo i referendum in materia di giustizia sui quali è già stata grande la mobilitazione dell'opinione pubblica».