25 febbraio 2024
Aggiornato 12:00
Chiesa Cattolica

Piazza San Pietro strapiena per Papa Francesco

Per salutare tutti i fedeli, il Papa argentino ha fatto un giro largo nel colonnato berniano a bordo della jeep bianca, costeggiando i confini con lo Stato italiano

CITTÀ DEL VATICANO - Non scema l'entusiasmo popolare per Papa Francesco. Per l'udienza generale del mercoledì piazza San Pietro, che può contenere 60mila persone, è strapiena. La folla tracima nella attigua piazza San Pio XI. Lungo via della Conciliazione, chiusa al traffico, gruppi di fedeli continuano ad affluire attorno alle 10.30, orario previsto di inizio dell'udienza. Come è ormai consuetudine, Jorge Mario Bergoglio ha baciato molti bambini che i gendarmi vaticani gli porgevano ed ha scambiato lo zuchetto bianco con un fedele che gliene ha regalato uno. Per salutare tutti i fedeli, il Papa argentino ha fatto un giro largo nel colonnato berniano a bordo della jeep bianca, costeggiando i confini con lo Stato italiano.

Papa: Ior? Burocrazia necessaria fino a un certo punto alla Chiesa - «E quando la Chiesa vuol vantarsi della sua quantità e fa delle organizzazioni, e fa uffici e diventa un pò burocratica, la Chiesa perde la sua principale sostanza e corre il pericolo di trasformarsi in una ong. E la Chiesa non è una ong. E' una storia d'amore ... Ma ci sono quelli dello Ior ... scusatemi, eh! ... tutto è necessario, gli uffici sono necessari ... eh, va bè! Ma sono necessari fino ad un certo punto: come aiuto a questa storia d'amore. Ma quando l'organizzazione prende il primo posto, l'amore viene giù e la Chiesa, poveretta, diventa una ong. E questa non è la strada». Così Papa Francesco in un passaggio della consueta messa mattutina nella casa Santa Marta.