5 febbraio 2023
Aggiornato 19:00
Partiti | Movimento 5 Stelle

Lombardi: «Contro di me accuse assurde»

Roberta Lombardi, neo-eletta capogruppo dell'M5S alla Camera, in un'intervista alla Stampa ribatte al caso che sta coinvolgendo il fondatore del movimento e torna a difendersi dall'accusa di essere fascista. «E' assurda», dice

ROMA - «Le cose che hanno scritto su Grillo, sui suoi presunti affari in Costa Rica, sono evidenti falsità. Ma almeno lui ha il vantaggio che può querelare chi l'ha diffamato. Io sono rimasta talmente sconvolta dalla valanga di fango che mi ha investita che non ho avuto neppure il tempo di capire che cosa mi stesse succedendo davvero». Roberta Lombardi, neo-eletta capogruppo dell'M5S alla Camera, in un'intervista alla Stampa ribatte al caso che sta coinvolgendo il fondatore del movimento e torna a difendersi dall'accusa di essere fascista. «E' assurda», dice.

IL FANGO FA MALE - «Il vero fascismo è impedire alle persone di esprimere la propria opinione. Che per altro, nel mio caso, non era di certo assolutoria. Anzi. Eppure mi hanno crocifissa», si sfoga Lombardi, rivendicando di essersi «formata all'interno dei valori della Costituzione, eppure ormai sarò per tutti, e per sempre, la nostalgica del Ventennio».
«Non credo al complotto», dice ancora la capogruppo 'grillina' a Montecitorio, ma aggiunge: «La stampa e i mezzi di informazione sono talmente abituati a un meccanismo distorto e manipolativo da non rendersi più conto del male che possono fare alle persone. Violenza vera». Dalla quale «Beppe cerca di difenderci».
Lombardi richiama dunque a un maggiore «equilibrio da parte di tutti. Anche noi stiamo cercando un modo diverso per comunicare. Ci sottrarremo al dibattito sterile e ci confronteremo sui fatti. Ogni volta che proporremo o realizzeremo qualcosa lo faremo sapere e incontreremo anche i media, che potranno ovviamente chiedere quello che vogliono».