31 marzo 2020
Aggiornato 10:00
Decreto del Ministro

Clini: I rifiuti di Roma saranno trattati negli impianti del Lazio

È quanto prevede il decreto del ministro dell'Ambiente Corrado Clini, presentato oggi pomeriggio: «Capacità residua di 930mila tonnellate, usciremmo dall'emergenza»

ROMA - I rifiuti di Roma saranno trattati in tutti gli impianti di TMB (trattamento meccanico biologico) esistenti nella regione Lazio (dieci in totale tra le province di Latina, Frosinone, Roma e Viterbo). È quanto prevede il decreto del ministro dell'Ambiente Corrado Clini, presentato oggi pomeriggio.

USCIREMO DALL'EMERGENZA - Secondo il decreto, in particolare, il totale del trattamento autorizzato riferito ai 10 impianti è di 1.994.873 tonnellate e quello dei rifiuti trattati è di 1.064.666 tonnellate: «C'è quindi una capacità residuale di circa 930mila tonnellate utilizzabile per Roma - ha spiegato Clini - che già solo questa ci consentirebbe di uscire dall'emergenza e superare l'obiezione europea sul conferimento in discarica di rifiuti non trattati».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal