19 gennaio 2020
Aggiornato 23:30
Manovra bis

PD: prelievo una tantum su capitali esportati e «scudati»

Il partito di Bersani presenta il «contro piano» sulla crisi

ROMA - Dopo aver bollato la manovra del governo come «iniqua e inadeguata», il Partito Democratico presenta un proprio testo alternativo di misure anti-crisi. Ne dà notizia un comunicato. Al primo posto, tra le proposte del partito di Bersani, c'è «un prelievo straordinario una tantum sull'ammontare dei capitali esportati illegalmente e scudati, in modo da perequare il prelievo su questi cespiti alla armonizzazione della tassazione sulle rendite finanziarie al 20 per cento e di adeguare l'intervento italiano alle medie delle analoghe misure prese nei principali paesi industrializzati».
«Gran parte di questi 15 miliardi dovrà essere utilizzata per i pagamenti della Pubblica Amministrazione nei confronti delle piccole e medie imprese e per alleggerire il patto di stabilità interno così da consentire immediati investimenti da parte dei comuni».