20 gennaio 2020
Aggiornato 19:30
Manovra bis

Ecco le 36 province che rischiano di scomparire

Via quelle con meno di 300mila abitanti, Molise senza province. In Liguria rimane solo Genova

ROMA - Fra le misure contenute nella maxi-manovra «salva Italia» anche l'eliminazione delle province con meno di 300mila abitanti e la fusione dei comuni che ne hanno meno di 1.000. In attesa di una lista ufficiale del governo, ecco un elenco provvisorio delle 36 province che rischiano l'estinzione:

Piemonte Asti (221.687 abitanti, amministrata dal Pdl) Biella (185.768, Lega) Verbano-Cusio-Ossola (163.247, Pdl) Vercelli (179.562, Pdl)

Lombardia Lodi (227.655, Lega) Sondrio (183.169, Lega)

Veneto Belluno (213.474, Lega) Rovigo (247.884, Pd)

Friuli-Venezia Giulia Trieste (236.556, Pd) Gorizia (142.407, Pd)

Liguria Imperia (222.648, Pdl) La Spezia (223.516, Pdl) Savona (287.906, Pdl)

Toscana Massa Carrara (203.901, Pd) Grosseto (228.157, Pd) Pistoia (293.061, Pd) Prato (249.775, Pd) Siena (272.638, Pd)

Umbria Terni (234.665, Pd)

Marche Ascoli Piceno (214.068, Pdl) Fermo (177.914, Sel)

Lazio Rieti (160.467, Pd)

Campania Benevento (287.874, Pd)

Molise Campobasso (231.086, Pdl) Isernia (88.694, Pdl)

Basilicata Matera (203.726, Pd)

Calabria Crotone (174.605, Pdl) Vibo Valentia (166.560, Pd)

Sicilia Caltanissetta (271.729, Mpa) Enna (172.485, Pdl)

Sardegna Carbonia-Iglesias (129.840, Pd) Medio Campidano (102.409, Pd) Nuoro (160.677, Pd) Ogliastra (57.965, Pd) Olbia Tempio (157.859, Pdl) Oristano (166.244, Pdl)