21 luglio 2024
Aggiornato 12:30
Crisi economica

Giro di riunioni pre-Cdm su Iva. Sulle pensioni lievi ritocchi

La Lega non cede sulla previdenza, ipotesi intervento da 1 miliardo

ROMA - Giro di riunioni a palazzo Chigi prima del Cdm che dovrà varare il dl con le misure anti-crisi. Subito dopo l'incontro con gli Enti locali si è tenuto un pranzo con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e i ministri Giulio Tremonti, Umberto Bossi, Roberto Calderoli, Roberto Maroni, Maurizio Sacconi, Paolo Romani e Ignazio La Russa. Successivamente si è svolta una riunione «ristretta» con il Premier, gli esponenti del Carroccio e il responsabile dello Sviluppo economico.

Al centro della discussione, in particolare ci sarebbe stata l'ipotesi di un intervento sull'Iva e il nodo pensioni, su cui in particolare la Lega ha alzato le barricate. Secondo quanto viene riferito, su quest'ultimo punto alla fine sarebbe passata la linea soft, che riguarderà soltanto l'anticipo di alcune finestre, e che dovrebbe valere un miliardo.

Accesa sarebbe stata invece la discussione sulla possibilità di intervenire sull'Iva, ridurre i tagli previsti a Enti locali (6 miliardi) e ai ministeri (altri 6 miliardi). Secondo quanto viene spiegato a pochi minuti dall'inizio del Consiglio dei ministri, tuttavia, non ci dovrebbe essere nessun intervento di questo tipo nell'immediato. Contrario all'ipotesi di toccare l'Iva sarebbe stato soprattutto Giulio Tremonti, sostenuto in questo anche dalla Lega.