31 ottobre 2020
Aggiornato 20:30
Senato

Al via il dibattito su richiesta di arresto per Tedesco

Il Senatore ha preannunciato di chiedere «sì» con il voto palese

ROMA - Con la relazione del senatore Luigi Li Gotti (Idv) è iniziato, poco dopo le 16.30, il dibattito in Senato sulla richiesta di arresto del senatore Alberto Tedesco (gruppo misto, ex Pd), nel quadro di un'inchiesta sulla sanità pugliese.

Lo stesso Tedesco ha preannunciato che interverrà in aula per chiedere al Senato di votare «sì» con voto palese alla richiesta degli arresti domiciliari. Il regolamento del Senato, ad ogni modo, prevede all'articolo 113 che le deliberazioni che riguardano, tra l'altro, la libertà personale dei membri dell'assemblea, possono essere attuate a scrutinio segreto a richiesta di venti senatori.

Il voto dell'aula avviene senza una proposta formalizzata della Giunta per le immunità di palazzo Madama. In Giunta infatti il relatore, il Pdl Alberto Balboni, aveva proposto di respingere la richiesta di arresto. Ma al momento del voto alla maggioranza erano venuti a mancare tre voti per le assenze di due leghisti e un senatore del Pdl. Mentre le opposizioni (Pd, Idv, Udc) avevano votato compatte contro la proposta del 'no' agli arresti. In aula viene pertanto svolta una relazione solo sui fatti e i documenti a disposizione del Senato, della quale è stato incaricato il senatore dell'Idv Luigi Li Gotti.