20 ottobre 2019
Aggiornato 08:00
Inchiesta P4

Oggi la Giunta di Montecitorio decide su Papa

A Palazzo Grazioli vertice sulla Giustizia per chiudere la partita sul ddl intercettazioni

ROMA - Mancano ancora poche ore per conoscere il parere della Giunta per le autorizzazioni a procedere chiamata a formulare il suo parere per l'assemblea, a favore o contro, la richiesta dei magistrati napoletani di arrestare il deputato Pdl Alfonso Papa, al centro dell'inchiesta sulla cosiddetta P4. Se è ormai nota la posizione del Terzo Polo, che dirà si alla richiesta dei magistrati, così come farà il centrosinistra compatto, restano ancora alcune incognite su come si orienteranno i due deputati leghisti, il cui voto potrebbe risultare decisivo in un senso o nell'altro.

Dopo l'incontro di ieri a Montecitorio fra lo stesso Papa e l'avvocato Niccolò Ghedini, sembra invece farsi sempre meno probabile un intervento, nel corso della Giunta, dell'onorevole al centro dell'inchiesta. Sebbene questa ipotesi nei giorni scorsi avesse preso corpo, il colloquio di ieri e le pressioni di Ghedini avrebbero spinto Papa ad un ripensamento.

VERTICE A PALAZZO GRAZIOLI - Mentre alla Camera tiene banco la «questione Papa», a Palazzo Grazioli, come rilanciato dai quotidiani, è previsto per oggi un vertice con il premier Berlusconi per fare il punto su due questioni care al premier: le leggi sulle intercettazioni e sulla responsabilità civile dei giudici. L'auspico del Premier è che, nel corso della riunione, cui parteciperanno anche l'avvocato Ghedini ed Angelino Alfano, è quella di chiudere la partita su ddl intercettazioni, da approvare in seguito.
Dunque la maggioranza va avanti nonostante, come riportato dal quotidiano La Repubblica, le dieci pagine contrarie del Csm e le due, assai critiche, dell'ufficio legislativo di Palazzo Chigi.