19 luglio 2024
Aggiornato 00:30
Il Dg esalta il ruolo della tv pubblica nelle celebrazioni dei 150 anni

Mauro Masi: «La Rai è stata in grado di coniugare qualità e ascolti»

«Ora ci concentreremo nella produzione delle fiction per questa storica occasione»

ROMA - «Voglio ringraziare tutte le donne e gli uomini dell'Azienda – ha scritto in una nota il Direttore generale della Rai Mauro Masi- che hanno operato e stanno operando in questa prospettiva. In questo caso in particolare un ringraziamento specifico va a coloro che, insieme alla Direzione Generale, hanno fatto qualcosa in più rispetto al pur eccellente lavoro consueto: il Vice Direttore Generale per l'offerta, Antonio Marano, e la dirigenza del Coordinamento palinsesti; Bruno Vespa, Pippo Baudo e la Direzione di Rai Uno; Giovanni Minoli e i suoi collaboratori; Michele Guardì; Radio Rai».

I 150 ANNI DELL’ UNITA’ D’ITALIA UNA OCCASIONE ANCHE PER LA RAI - «I risultati ottenuti dalla programmazione Rai per i 150 anni dell' Unità d'Italia - ha proseguito Masi- dimostrano che la Rai può coniugare, e questa Rai lo ha fatto, ascolti e qualità; ascolti e servizio pubblico radiotelevisivo».
«Ora - conclude Masi - l'impegno dell'Azienda per i 150 anni continua con gli appuntamenti di Torino e Milano e, in qualche modo, si rafforza anche attraverso il lavoro già in cantiere da parte di uno dei maggiori punti di forza della Rai in questa gestione: la Direzione Fiction. Un impegno corale, quindi, per meglio corrispondere alle attese giustamente alte dei cittadini per questa storica occasione»..