20 giugno 2024
Aggiornato 10:30
Caso Ruby

«Governabilità e istituzioni a rischio, ora chiarezza»

L'Agenzia di stampa dei Vescovi: «Dopo 20 anni di scontro con i Pm mettere dei punti fermi»

ROMA - L'agenzia stampa dei vescovi, Sir, chiede «che si faccia chiarezza in termini stringenti» sulla vicenda Ruby, «così da non tenere sul filo la politica, le istituzioni, più ampiamente la governabilità».

«Al di là del gossip, che si alimenta sui giornali e non solo, dei retroscena, dei protagonisti e del livello delle vicende, che sono minuziosamente evocate nell'ordinanza trasmessa alla Camera per l'autorizzazione a procedere ulteriormente, c'è un'unica certezza», scrive il 'Servizio informazione religiosa' in un editoriale. «Bisogna che si faccia chiarezza in termini stringenti, che la questione sollevata dalla procura di Milano abbia delle celeri risposte, così da non tenere sul filo la politica, le istituzioni, più ampiamente la governabilità».

Per il Sir, «sono ormai più di vent'anni, per chi ha la memoria lunga, che le iniziative delle procure confliggono con il sistema politico e con la stessa figura di Berlusconi, con esiti processuali diversi, e comunque trasmettendo un senso di conflittualità permanente e dunque di precarietà. Per questo, in particolare di fronte ai temi oggi evocati, è necessario arrivare presto a chiarire e così mettere dei punti fermi». Tanto più che, tra vertenza Fiat, crisi economica e federalismo fiscale, «bisogna che tutti si mettano al lavoro, nella chiarezza e con il massimo senso di responsabilità. Le risposte urgono».