31 ottobre 2020
Aggiornato 05:00
Regime iraniano

Anche la Carfagna in «soccorso» di Sakineh

«Una gigantografia del suo volto sarà esposta sulla facciata di un palazzo governativo». Frattini chiede alle autorità un «atto di clemenza»

ROMA - Una gigantografia del volto di Sakineh Mohammadi Ashtiani, la donna iraniana condannata a morte per lapidazione, sarà esposta «sulla facciata di un palazzo del governo». Lo ha annunciato il ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna, al Tg2 della Rai, assieme al titolare della Farnesina, Franco Frattini.
«Non possiamo accettare che una giovane donna venga condannata a morte per una visione che non rispetta i diritti umani fondamentali», ha detto Carfagna. «Per questa ragione esporremmo sulla facciata di un palazzo del governo il volto di Sakineh nella speranza che le sia risparmiata la vita», ha aggiunto.
Da parte sua il ministro degli Esteri si è rivolto alle autorità iraniane «chiedendo un atto di clemenza e quindi il rispetto fondamentale del diritto alla vita di questa ragazza».