7 giugno 2020
Aggiornato 03:00
Inchiesta G8

Salvini: se davvero si dimette al suo posto un leghista

«Forse è presto, ma abbiamo donne e uomini adatte a quel ruolo»

ROMA - La Lega sembra pronta a 'prenotare' il dicastero dello Sviluppo Economico, qualora diventassero operative le dimissioni di Claudio Scajola. A riferirlo è Matteo Salvini.

«E' presto per fare ipotesi - afferma- ma è certo che la Lega avrebbe gli uomini e le donne giuste, esperti di azienda e di attività produttive, in grado di portare avanti il ministero di Scajola» dice, pur sottolineando di non essere «tenuto a fare dichiarazioni su questo caso» ma «come lettore di giornali e non come politico, sto aspettando di capire questa vicendani» Sul clima teso all'interno della maggioranza, dallo strappo Berlusconi-Fini al caso Scajola, passando per le dimissioni di Bocchino, Salvini, ai microfoni di Cnr media dice: «Quello che ci interessa è fare le riforme, farle velocemente e dare alle regioni e ai comuni i soldi da spendere per la loro gente e qualunque cosa si frapponga a questo cammino ovviamente non ci fa piacere, però speriamo che si chiudano al più presto queste partite e si ricominci ad occuparci di questioni serie».

Dopo le dimissioni del leghista Luca Zaia dal Governo per la staffetta con il Pdl Giancarlo Galan alla presidenza del Piemonte, la compagine leghista al Governo si è ridotta di una unità mentre quella Pdl è aumentata di una.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal