3 aprile 2020
Aggiornato 23:00
Caso Marrazzo

Parla Michelle: il video lo volle Marrazzo

La trans intervistata da «Oggi» a Parigi: non fuggo, l'ho detto che ero in Francia. Brenda era fragile e buona

PARIGI - Non è in fuga da Roma e non è irreperibile: sta a Parigi, «l'ho detto a tutti che sarei venuta qui». A parlare è Antonio Carlos Dos Santos, in arte Michelle, la trans amica di Brenda con la quale divideva il monolocale di via dei Due Ponti. A trovarla il settimanale Oggi, che l'ha intervistata. Il contenuto dell'intervista è pubblicato in anteprima sul Corriere della Sera e sarà in edicola su Oggi da mercoledì prossimo.

VIDEO A TRE - Michelle smentisce di essere in possesso di un presunto video «a tre» con lei, Brenda e l'ex governatore del Lazio Piero Marrazzo: «È una bugia e voglio che sappiate la verità. Io Marrazzo non sapevo neppure chi fosse. Un giorno Brenda - racconta - mi ha chiesto di andare con lei a casa di una persona importante che voleva fare un'ammucchiata. Siamo andati a casa di Marrazzo e abbiamo fatto quel che dovevamo fare. Non siamo state noi ad avere l'idea di fare un video. L'ha chiesto lui, era una sua fantasia. A seconda della situazione, io o Brenda prendevamo il telefonino e facevamo le riprese. Ricordo che il telefonino era quello di Brenda. Finito tutto abbiamo riguardato il filmato con Marrazzo. Abbiamo riso, abbiamo bevuto qualcosa con lui, ci siamo salutati. Da allora non l'ho più rivisto. E non so che fine abbia fatto quel video. Non c'era cocaina, invece Marrazzo ci ha offerto una bottiglia di champagne».

BRENDA ERA FRAGILE E BUONA - «Ho conosciuto Brenda mentre facevo la spesa in un supermercato e ho capito che era fragile e buona - conclude su Oggi - Ho provato per lei affetto e siamo andate a vivere nel monolocale di via dei Due Ponti. La convivenza non era facile perché Brenda si ubriacava tutti i giorni. Buttava via tutto quello che guadagnava ed ero io che la mantenevo: pagavo l'affitto, pagavo da mangiare. Volevo bene a Brenda ma ho capito che se voleva stare tranquilla dovevo andarmene. Ho pianto tanto per lei, povero tesoro mio, non meritava di finire così. E dopo quello che è successo alla mia amica, ho paura».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal