20 novembre 2019
Aggiornato 05:30
Salute. Nuova influenza

Ginecologi: «2 gestanti su 3 rifiutano il vaccino»

Per il Professiore Giorlandino, presidente della Sidip «le madri sono più spaventate più dal vaccino che dalla malattia»

ROMA - Il nuovo vaccino per la nuova influenza spaventa più dell`influenza stessa, tant'è che due donne in gravidanza su tre lo rifiutano. A parlare è il professor Claudio Giorlandino, ginecologo, presidente della Sidip, società italiana di diagnosi prenatale e medicina materno fetale, sulla base dei dati di un questionario diffuso negli ultimi dieci giorni a poco meno di 300 gestanti tra il secondo e il terzo mese della gravidanza.

«Abbiamo chiesto a queste future mamme se intendessero sottoporsi alla vaccinazione per la nuova influenza - afferma il Giorlandino - Due su tre hanno risposto che non la faranno perché il loro ginecologo lo ha sconsigliato o perché il vaccino le spaventa più dell`influenza stessa. Altre sono in genere ancora indecise soprattutto per mancanza di informazioni sulla problematica e sui rischi-benefici».

Secondo Giorlandino «le donne che hanno dichiarato di non volersi vaccinare hanno però detto di volersi rifornire preventivamente di farmaci antivirali da usare in caso di bisogna. La gente ha paura della nuova vaccinazione - spiega - Le future mamme si dicono molto preoccupate perché temono che questo vaccino non sia stato correttamente sperimentato e non vi sia chiarezza sulla sua provenienza. L'informazione sulla sua innocuità non è arrivata.

Troppe le informazioni sull'influenza, poche quelle sulla sicurezza della vaccinazione. Il vero motivo secondo il quale anche i medici di base in molti casi hanno dichiarato, nei giorni scorsi, di rifiutare la vaccinazione non dipende dalla scarsa sensibilità sulle possibili problematiche conseguenti alla influenza ma dalla grande preoccupazione sulla possibile dannosità di questo vaccino».