18 giugno 2021
Aggiornato 18:00

Cavallera: «Mantenere alta l’attenzione su Influenza A»

TORINO - «L’attenzione sul rischio di una pandemia influenzale causata dal virus A/H1N1 deve essere molto alta».
E’ l’appello lanciato questa mattina a Palazzo Lascaris, in apertura dell’Assemblea del Consiglio regionale, dal Consigliere di Fi-Pdl Ugo Cavallera.
«Bisogna prendere atto - ha spiegato l’esponente azzurro - dell’efficienza e della sensibilità del Ministero e soprattutto del vice-ministro della Sanità Ferruccio Fazio. Ma è importante che anche la Regione faccia la sua parte».

«Bisogna evitare - ha precisato Cavallera - che si crei un clima di ingiustificato allarmismo, ma allo stesso tempo è fondamentale essere molto efficaci nella comunicazione: la pandemia, il cui picco è prevedibile per l’imminente inverno, non va sottovalutata, soprattutto per le conseguenze che potrebbe arrecare nei soggetti a rischio».

«E’ chiaro – ha proseguito il Consigliere azzurro - che tutti i servizi sanitari, dalla medicina di base alla medicina generale, dagli ambulatori delle Asl che dovranno occuparsi delle vaccinazioni ai servizi di guardia medica e di emergenza, dovranno essere adeguatamente organizzati per i ricoveri delle situazioni più gravi e per l’assistenza domiciliare alle casistiche che possono così essere affrontate seguendo le linee guida per prevenire e gestire l’emergenza infettiva che il Ministero sta predisponendo e a cui la Regione dovrà dare attuazione».

«Un’efficace opera di prevenzione - ha concluso Cavallera - nonché una tempestiva capacità di fornire le terapie necessarie in caso di diffusione del virus A/H1N1, affinché siano ridotte al minimo le complicanze che l’influenza potrebbe comportare se non curata sul nascere, minimizzerà i danni al sistema scolastico e produttivo, ma indubbiamente avrà dei costi. Costi sui quali chiediamo un aggiornamento e che dovranno essere valutati e analizzati in fase di assestamento di bilancio per la chiusura dell’esercizio finanziario 2009».