14 luglio 2024
Aggiornato 23:00
Strage di Bologna

Parla la Mambro: «Dopo 30 anni spero in verità vera»

«Pacatezza per affrontare altri filoni di indagini»

ROMA - «Spero che dopo trenta anni ci sia la pacatezza per affrontare altri filoni di indagini e per giungere alla verità vera». Così Francesca Mambro, condannata all'ergastolo per la strage di Bologna e da oltre un anno in libertà condizionale, commenta la possibilità di una revisione del processo.

Quanto alla liberazione del marito Valerio Fioravanti, la Mambro sottolinea: «fa parte della legge, che prevede dopo 30 anni che la pena, con alcuni presupposti legati al ravvedimento, sia estinta». Fioravanti e Mambro non hanno mai chiesto nè la grazia nè benefici pur proclamandosi da sempre innocenti per la strage del 2 agosto 1980. «Abbiamo fatto il carcere che dovevamo fare...», conclude Francesca Mambro.