28 maggio 2020
Aggiornato 20:00
Nuova influenza

Campidoglio: «A Roma nessun allarme»

«Ma serve maggiore collaborazione tra Governo e istituzioni locali»

ROMA - A Roma «non c`è alcun motivo di allarme» sulla diffusione del virus AH1-N1, dopo i 4 studenti che hanno contratto la nuova influenza negli Usa: «Per quanto riguarda la letalità questa epidemia finora si sta comportando come le altre delle ultime stagioni e l`andamento dei casi nella capitale è inferiore a quello osservato in altre capitali europee». Ad assicurarlo è il professor Fernando Aiuti, coordinatore della Commissione sanità del Comune di Roma.

«La conferma dei 4 casi di influenza AH1-N1 negli studenti romani richiede, secondo le raccomandazione dell`Oms e della circolare Gelmini, la chiusura delle scuole frequentate dai ragazzi e pertanto non deve essere motivo di allarme in quanto rientra tra le misure di prevenzione previste», sottolinea Aiuti auspicando però sul tema «un maggior coordinamento tra le istituzioni e tempestività di interventi, date alcune incertezze e ritardi sul provvedimento preso nei due licei romani, ma ignorato dai responsabili delle stesse scuole e dagli studenti».

«Non deve accadere - prosegue l'esperto - che il sindaco e l`assessore alle Politiche per la prevenzione della salute non siano informati tempestivamente e debbano apprendere dai giornali che due importanti scuole sono state forse chiuse o che si stanno chiudendo e che la polizia staziona davanti alle scuole per probabile epidemia influenzale. Tra l`altro la polizia fuori delle scuole, se è stata inviata per questo motivo, è inutile».

«È auspicabile invece che le Asl provvedano tempestivamente alla profilassi in tutti i 'contatti' degli studenti e loro famigliari dei ragazzi con influenza al fine di evitare - conclude Aiuti - una ulteriore trasmissione del virus influenzale, come è accaduto nei famigliari dei pazienti provenienti dal Messico».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal