23 giugno 2024
Aggiornato 02:30

Povera e malata di cancro, chiede l'eutanasia

In Abruzzo, una donna colpita da tumore al polmone, ha rivolto un appello al Capo dello Stato: «A una vita non dignitosa, preferisco la morte»

Disperata per la sua condizione di malata con un tumore al polmone, impossibilitata a curarsi con i 250 euro di pensione al mese, una pensionata 58enne di Castel di Sangro, in provincia dell'Aquila, ha diffuso via web il suo grido di dolore. Alla tv telematica «AbruzzoLive» Angela Scalzitti ha raccontato di aver chiesto alla Asl un'indennità di accompagnamento per la chemioterapia che deve necessariamente fare a Pescara ma l'indennità le è stata negata. La donna, che per Natale è stata costretta a chiedere un piatto di minestra ai vicini, ha rivolto il suo appello al Capo dello Stato: «Se non posso vivere una vita dignitosa, ha detto, allora preferisco la morte».