7 dicembre 2019
Aggiornato 22:00

Scuola: Cgil Sicilia, domani manifestazione contro tagli e misure governo

I posti in meno quest’anno in Sicilia sono 2.544 per i docenti e 162 per gli Ata

Contro i tagli agli organici dei docenti e del personale Ata della scuola, domani, nel giorno ufficiale di avvio in Sicilia dell’anno scolastico, si terrà a Palermo, alle 10 davanti l’ufficio scolastico regionale di via Praga, una manifestazione regionale organizzata da Flc Cgil, Cisl e Uil Scuola, e Snals Confsal .

I posti in meno quest’anno in Sicilia sono 2.544 per i docenti e 162 per gli Ata. Ma «l’attacco alla scuola pubblica operato dal governo con gli ultimi provvedimenti legislativi d’urgenza- dice una nota dei sindacati- comporterà nel prossimo triennio il taglio di almeno altri 15 mila posti». L’iniziativa di domani sarà seguita da assemblee sindacali e iniziative di informazione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica. Si annuncia, insomma, un autunno caldo per la scuola siciliana. I sindacati chiederanno che dei problemi cui va incontro il sistema scolastico discutano anche tutti i consigli comunali dell’Isola.

«In ballo- dice Giusto Scozzaro, segretario generale della Flc Cgil siciliana- c’e’ il diritto allo studio delle giovani generazioni e la qualità della nostra scuola primaria. Con le misure del governo- aggiunge- rischiamo di avere una scuola più povera per offerta formativa, di abbandonare a se stessi gli alunni disabili e quelli di quartieri e aree del paese a rischio. Rischiamo- dice ancora Scozzaro- che una categoria già penalizzata come quella degli insegnanti e del personale non docente paghi pesantemente le scelte sbagliate del governo».