9 dicembre 2019
Aggiornato 14:00
Riforma della Giustizia

Cota: «Sì alla separazione delle carriere fra Giudice e PM»

«La competitività del sistema economico è legata anche a una giustizia che consenta di recuperare i propri crediti e di avere ragione in sede civile»

Il capogruppo della Lega alla Camera, Roberto Cota, intervistato da Affaritaliani.it affronta il tema della riforma dell’ordinamento giudiziario e si dice favorevole alla «separazione delle carriere» e alla elezione dei Pd. Della riforma della giustizia «se ne parli, siamo disponibili - assicura - Facendo riferimento alle norme volute da Falcone, Berlusconi ha iniziato con il piede giusto. Ci sono tante cose di cui dover parlare, è un argomento complesso».

«Per esempio - spiega l’esponente del Carroccio - c'è il tema della giustizia civile, perché un imprenditore che non ha tempi certi per il soddisfacimento dei suoi crediti va in difficoltà. La competitività del sistema economico è legata anche a una giustizia che consenta di recuperare i propri crediti e di avere ragione in sede civile». Inoltre «noi siamo sempre stati a favore della separazione delle carriere. Si discuterà di tutto». «E' una nostra vecchia idea -conclude Cota parlando della elezione dei Pm- secondo me ottima in prospettiva. Bossi lo ha sempre sostenuto. L’importante è partire, si discute di tutto e poi si arriva a una conclusione. Ma in questo momento noi siamo concentrati sul federalismo».