A Torino il master per chi vuole lavorare nell'Industria 4.0

Il master sarà realizzato in collaborazione con alcune importanti aziende piemontesi all'interno delle quali potranno essere assunti i partecipanti

A Torino il master per chi vuole lavorare nell'Industria 4.0
A Torino il master per chi vuole lavorare nell'Industria 4.0 (Shutterstock.com)

TORINO - Torino è al centro di una grande rivoluzione industriale, guidata dalle nuove tecnologie, e si appresta ad avere un ruolo leader in quello che sarà il futuro non solo delle aziende piemontesi, ma soprattutto dei giovani. Dopo l’annuncio di un Manufacturing Technology and Competence Center il cui obiettivo sarà proprio sviluppare e consolidare il trasferimento tecnologico da Atenei e centri di ricerca verso le imprese, il Politecnico della capitale sabauda, ha lanciato il  Master in alto apprendistato in Manufacturing 4.0, un corso progettato per rispondere alla carenza di figure professionali nei nuovi processi manifatturieri.

Project Manager, Technical Leader, Sistemista tecnologo e Coordinatore tecnico in ambito Industria 4.0. Sono queste le figure professionali chiamate a lavorare nelle fabbriche del futuro. L'obiettivo del Master, tenuto interamente in lingua inglese, è di formare giovani e motivati neolaureati in Ingegneria, al fine di preparare una nuova generazione di specialisti di alto livello nel campo dei sistemi di produzione industriale del futuro. Il Master sarà realizzato con la collaborazione di alcune delle aziende più importanti del tessuto industriale e tecnologico piemontese: Avio Aero, Comau, Inpeco, Magneti Marelli, Prima Industrie, SKF e Petronas. Aziende nelle quali i partecipanti al master potranno essere facilmente assunti, attraverso un contratto di Apprendistato di Alta Formazione.

«Il Master in Alto Apprendistato in Manufacturing 4.0 è la naturale evoluzione del Master in Industrial Automation svolto in partenariato con Comau e Prima Industrie e ha visto l'introduzione nei programmi dei corsi le tecnologie abilitanti del piano Industria 4.0 - ha dichiarato Luca Iuliano, referente scientifico del Master -. Fin da subito l'idea della sua attivazione ha riscontrato l'entusiasmo del partenariato di imprese che sostiene l'iniziativa grazie alla possibilità di formare una nuova generazione di specialisti in grado di dominare le tecnologie manifatturiere del futuro».

Nello specifico, il Manufacturing 4.0, modalità produttiva ormai nota come quarta rivoluzione industriale, rappresenta un cambiamento finalizzato a una produzione sempre più automatizzata e interconnessa attraverso lo sviluppo delle nuove tecnologie digitali. Tecnologie fortemente impattanti su quattro aspetti dello sviluppo dell’attività manifatturiera: l’utilizzo dei dati per la centralizzazione delle informazioni e la loro conservazione, la potenza di calcolo e la connettività, i big data e gli open data, l’Internet of Things, il machine-to-machine e cloud computing; l’uso degli analytics per trasformare in valore i dati raccolti, considerato come oggi solo l’1% di questi viene utilizzato dalle imprese, che potrebbero invece ottenere vantaggi a partire dal «machine learning», ovvero dalle macchine che perfezionano la loro resa «imparando» dai dati via via raccolti e analizzati;  lo sviluppo dell’interazione tra uomo e macchina, che coinvolge le interfacce «touch», sempre più diffuse, e la realtà aumentata; e, infine,il passaggio dal digitale al «reale» che comprende la manifattura additiva, la robotica collaborativa, le comunicazioni, le interazioni machine-to-machine e le nuove tecnologie per immagazzinare e utilizzare l’energia in modo mirato, razionalizzando i costi e ottimizzando le prestazioni.