12 aprile 2021
Aggiornato 03:00
open innovation

Immobiliare.it: «Il futuro per ogni azienda? Investire nei giovani talenti (appassionati)»

Immobiliare.it è una delle poche web company italiane ad avere, all'interno di Immobiliare Labs, cuore tecnologico dell'azienda, un vero e prioprio team interno di R&S, dove lavorano 10 matematici, fisici e informatici. E si apre ancora, assumendo giovani

ROMA - Passione per la tecnologia, curiosità verso tutto ciò che è nuovo, ma soprattutto versatilità e flessibilità nel lavorare con strumenti e linguaggi ogni giorno diversi. Per Aldo Armiento, CTO di Immobiliare.it sono queste le caratteristiche che un giovane talento dovrebbe avere per entrare a far parte di una delle poche web company italiane ad avere, all’interno di Immobiliare Labs, cuore tecnologico di Immobiliare.it, un vero e proprio team di R&S.

Puntare sull’Open Innovation
«Nel nostro Immobiliare Labs lavorano circa 60 specialisti IT e da quando siamo partiti nel 2005 abbiamo sempre puntato sull’open innovation - ci racconta Aldo Armiento -. Tutte le nostre soluzioni tecnologiche, infatti, sono basate su software open source con cui riusciamo a utilizzare e commentare il codice sviluppato da professionisti di tutto il mondo, con cui condividiamo anche le modifiche necessarie a migliorarlo. A dimostrazione di quanto sia importante per noi la strategia di open innovation abbiamo reso disponibili in open source alcuni dei software che hanno creato i nostri team, in modo tale da consentire ad altre società di utilizzarli e aiutarci a migliorarli».

Investire sui talenti
Una strategia importante quella dell’open innovation che rappresenta, soprattutto in Italia, dove le startup tendono a mantenere una dimensione piuttosto piccola e territoriale, una grande opportunità per l’intero ecosistema innovativo. E una strategia che Immobiliare ha fatto sua aprendosi ad aziende più giovani, investendo capitale e contribuendo alla crescita di startup come Uala e ProntoPro. Ma non solo, perché rispetto a tutte quelle aziende ancora restie ad assumere talenti digitali e soprattutto incapaci di offrire reali opportunità di crescita, Immobiliare ha capito presto (sin da subito) che investire nei talenti era la strada più giusta da seguire: «All’interno di Immobiliare Labs abbiamo un team interno di R&S, composto da dieci matematici, fisici e informatici, e siamo molto orgogliosi di essere una delle poche web company italiane con questa caratteristica. Questo team non ha limiti nella scelta dei software e degli hardware che può utilizzare: per ogni progetto si scelgono le soluzioni tecnologiche e i linguaggi di programmazione più adatti al raggiungimento degli obiettivi - continua Aldo -. Crediamo e investiamo molto nella ricerca dei talenti e per questo abbiamo in essere diverse partnership con Università e altre associazioni che favoriscono l’incontro fra professionisti del settore IT. Organizziamo open day non solo per conoscere giovani studenti in procinto di entrare nel mondo del lavoro, ma anche per mostrare loro come effettivamente si lavora all’interno di una grande web company». E non sono solo parole: l’azienda ha, infatti, previsto un corposo programma di assunzioni nel dipartimento di tecnologia a Roma. L’obiettivo è quello di integrare, nei prossimi due anni, nuove figure professionali che abbiano le competenze per sviluppare le soluzioni tecnologiche che renderanno ancora più dinamica la ricerca immobiliare.

Big Data e Intelligenza Artificiale
Ma le capacità e le potenzialità di una grande azienda si evincono anche dall’approccio verso il futuro: «Se dovessimo pensare a due grandi direzioni verso cui Immobiliare Labs si sta muovendo, possiamo indicare i Big Data e l’Intelligenza Artificiale. Nel primo caso, negli anni, abbiamo raccolto una mole di dati talmente grande da rappresentare ormai una risorsa preziosissima, utile sia a fini di marketing, di comunicazione e di analisi del mercato immobiliare italiano; stiamo lavorando a modelli per la rappresentazione di questa enorme quantità di informazioni - conclude Armiento -. Per quanto riguarda l’Intelligenza Artificiale, stiamo sviluppando tecnologie che renderanno possibile la ricerca di una casa attraverso filtri avanzati che a oggi non sono ancora disponibili».