18 settembre 2019
Aggiornato 01:00
ricerca

Immobiliare punta sul suo hub tecnologico: «Assumiamo tecnici digitali»

Immobiliare punta tutto sulla ricerca e sull'innovazione attraverso l'hub tecnologico, con sede a Roma, in cui si approfondiranno e sperimenteranno tecnologie legate ai big data, al machine learning e all’intelligenza artificiale. Si cercano professionisti

ROMA - Puntare sulle necessità dei propri clienti e sull’innovazione, sfruttando in anticipo sui tempi le potenzialità date dalla banda larga e dalla diffusione di smartphone e tablet. E’ stata questa la strategia vincente di Immobiliare.it, uno dei casi di successo più emblematici entro i confini italiani, una delle poche realtà ad essersi ampliata in un momento di recessione economica nazionale – e non solo. Oggi Immobiliare.it è il primo portale e la prima applicazione immobiliare in Italia, con oltre 22 milioni di visite al mese al sito web e 4 milioni di download dell’app.

L’importanza della vocazione tecnologica
E’ stata la vocazione tecnologica ad attrarre gli investimenti crescenti in ricerca e sviluppo, investimenti non solo economici, ma anche fortemente legati alla sperimentazione e alla formazione dei team, tutti interni all’azienda. Questo progetto trova il suo punto forte nell'Immobiliare Labs, grazie anche alla collaborazione con Interoute, un vero e proprio centro di ricerca tecnologico, con sede a Roma, in cui si approfondiranno e sperimenteranno tecnologie legate ai big data, al machine learning e all’intelligenza artificiale.

«La collaborazione con Immobiliare, un brand così noto e innovativo nel panorama italiano - ha detto Simone Bonannini - ci rende estremamente orgogliosi e ci incoraggia a perseguire nell’impegno che di mettere le aziende in grado di sfruttare al meglio la nostra e la loro tecnologia, aumentando il loro vantaggio competitivo».

Nuove assunzioni di profili tecnologici
Contando già oggi su oltre 60 specialisti IT, Immobilare.it ha previsto un corposo programma di assunzioni nel dipartimento di tecnologia a Roma. L’obiettivo è quello di integrare, nei prossimi due anni, nuove figure professionali che abbiano le competenze per sviluppare le soluzioni tecnologiche che renderanno ancora più dinamica la ricerca immobiliare. Senza dimenticare l’attenzione alla filosofia open source: Immobiliare Labs – il dipartimento tecnologico di Immobiliare.it – rende alcuni dei software sviluppati pubblici e accessibili, allo scopo di permetterne l’utilizzo e il miglioramento da parte di altre società in Italia e all’estero.