27 giugno 2017
Aggiornato 02:00
smau

FoodTech, aziende e startup che fanno innovazione

Un’Italia che si rinnova nelle infrastrutture e nel modo di rapportarsi al mercato quella che si racconta nel Roadshow Smau, fedele alla tradizione agroalimentare ma con una visione aperta al futuro

FoodTech, aziende e startup che fanno innovazione
FoodTech, aziende e startup che fanno innovazione (Shutterstock.com)

MILANO - Con 2 milioni di imprese, 3,8 milioni di addetti, 130 miliardi di euro di valore aggiunto e 47 miliardi di export, la filiera agroindustriale italiana – dai campi agli scaffali considerando anche la meccanica per il Food&Beverage – è un settore chiave per l’economia nazionale, con potenzialità competitive ancora inespresse, come riportato da Agrifood Monitor.

AgriFood e innovazione
Molti gli aspetti che coinvolgono l’innovazione nel settore dell’agrifood, dal tracciamento e digitalizzazione dei processi alla dematerializzazione dei documenti con relativi abbattimenti di costi; dalla distribuzione e aggiornamento in tempo reale delle informazioni alla verifica/controllo e approvazione delle informazioni sulle confezioni; dall’Open Innovation applicata allo sviluppo di nuovi prodotti alla Food Innovation; dall’adozione di gestionali evoluti per poter rispondere ed evadere in maniera più veloce ed efficace le richieste.

Le grandi aziende che fanno innovazione
Tra le tante esperienze a Smau sono state premiate realtà come Barilla leader mondiale della pasta e dei sughi pronti in Europa, dei prodotti da forno in Italia e dei prodotti croccanti nei Paesi Scandinavi con oltre 8.100 dipendenti e un fatturato di più di 3.200 milioni di euro all’anno. Da sempre attenta alla Ricerca e Innovazione, Barilla ha di recente avviato un progetto di Design Thinking mettendo al centro del prodotto il cliente stesso con le sue esigenze, i suoi bisogni sviluppando un approccio multidisciplinare che richiede la stretta collaborazione di una moltitudine di attori interni ed esterni all’azienda. E’ così che l’innovazione di prodotto passa da nuovi processi creativi che mettono al centro la persona. Innovazione nel gestionale invece è il progetto presentato da Morato Pane, uno dei principali attori sul mercato della panificazione industriale con 230 dipendenti e un fatturato che si aggira intorno ai 60 milioni di euro. Dal piccolo negozio di un paese al mercato internazionale Morato Pane si trova ad operare in differenti contesti con un volume annuo di 22 mila tonnellate. Dovendo rispondere ad una domanda fortemente personalizzata con una filosofia aziendale che mantiene il contatto con le proprie origini, Morato Pane ha ritenuto necessaria l’acquisizione di un nuovo gestionale, il SAP Business One, per la gestione e la personalizzazione delle informazioni così complesse ed articolate. Innovazione per aumentare l’evasione delle richieste conto terzi è l’obiettivo di Nutkao nell’adozione di un software in grado di tracciare e digitalizzare tutto l’iter produttivo permettendo di evadere quotidianamente oltre 750 attività. L’azienda è leader mondiale nel settore private label per la crema spalmabile a base di cacao e nocciole e ha un ruolo rilevante nel mercato italiano dei semilavorati per l’industria dolciaria (cioccolato liquido, cioccolato in gocce, creme in cisterne e in secchi) con un fatturato di 120 milioni di euro all’anno. Con il nuovo software ha potuto aumentare la capacità annua di gestione delle richieste di nuovi prodotti e modifiche da 180 a 650.

Le startup del FoodTech
Non mancano neppure casi in cui i prodotti diventano di avanguardia tecnologica in ambito Food Innovation e nascono da startup innovative come RevOILution, startup calabrese che ha ideato l’innovativo frantoio domestico: la soluzione Made in Italy per consumare olio EVO espresso. RevOilution è un piccolo elettrodomestico semplicissimo da usare: basta premere un pulsante e in 45’ si ottengono 20 porzioni di EVO Espresso personalizzato. Lo scarto può essere anche riutilizzato (es. paté di olive). Innovazione anche in ambito agricolo con Evja startup campana del CSI-Incubatore Napoli Est, che ha ideato un sistema per il monitoraggio del ciclo di vita delle colture specializzato per il settore della IV gamma. Il sistema permette di tenere sotto controllo fattori come la quantità di acqua impiegata, la temperatura, l’intensità solare, la bagnatura fogliale, l’umidità del terreno e di automatizzare di conseguenza gli approvvigionamenti necessari. Il sistema è basato su una piattaforma hardware e software che raccoglie dati, li analizza e permette di impostare soglie d’allarme.